Gérard Vespierre: Qatar e Turchia sono i “padrini” delle milizie di Tripoli

in Esteri/Le Brevi

Ricercatore associato della Fondazione per gli studi mediorientali (FEMO), Gérard Vespierre, ha discusso, in un editoriale pubblicato sul sito di notizie di Mondafrique, il ruolo svolto dalle milizie estremiste nella capitale libica di Tripoli e nell’ovest del paese. Secondo Vespierre, l’operazione militare lanciata il 4 aprile dall’esercito nazionale libico (LNA) ha “mobilitato un’alleanza molto eterogenea di milizie” che “è venuta a salvare il primo ministro Fayez al-Sarraj”. La “tacita alleanza” tra le milizie e Al-Sarraj “ha permesso loro di posizionarsi come partner legittimi del potere dominante”.

“Il problema è che molte di queste milizie sono state tristemente illustrate dal loro ruolo centrale nell’organizzare il transito e il traffico di decine di migliaia di migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo. Uno dei loro leader, Ahmed al-Dabbashi, si è reso terribilmente famoso. Ora è sotto le sanzioni del Tesoro degli Stati Uniti. Inoltre, questo gruppo eterogeneo di milizie include “forze speciali di deterrenza” le cui prigioni sono state etichettate come “tane della tortura” dalla Jamestown Foundation. “

Vespierre ha sottolineato che queste milizie operano di fatto al di fuori dell’autorità del governo di Al-Sarraj perché “sono supportate dai loro sponsor internazionali, in particolare Qatar e Turchia”.

“Nel caso del Qatar, secondo Reuters, questo supporto si è materializzato con la fornitura diretta di armi. Ma il sostegno del Qatar non è limitato alla “sola” fornitura di armi. Tra il 2011 e il 2017, si stima che il sostegno finanziario fornito da Doha a questi gruppi abbia superato i 750 milioni di euro”. Poi continua: “Per quanto riguarda la Turchia, è stato anche illustrato dalla consegna di armi secondo Reuters, e persino da Tramadol, il famoso oppiaceo usato come stimolante e spesso somministrato ai jihadisti africani o mediorientali. Accade regolarmente che le navi turche siano viste al largo della costa libica “.

“Questi supporti, così come le azioni delle milizie sul terreno, rendono ancora più difficile la vita quotidiana dei libici nell’ovest del paese. Tutto ciò mina ulteriormente gli sforzi per formare uno stato centrale coerente e mette in pericolo la sicurezza regionale “.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

Costantino Pistilli

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina