Emirati Arabi Uniti e Bahrain firmano Abraham Accord con Israele

in Esteri

WASHINGTON: Gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein firmeranno accordi storici con Israele oggi in una cerimonia sotto la supervisione di Donald Trump a Washington.

L’accordo di Abraham significa che i due paesi del Golfo si uniranno all’Egitto e alla Giordania come le uniche nazioni arabe ad avere pieni rapporti con Israele.

Alla cerimonia parteciperanno il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed, Abdullatif bin Rashid Al-Zayani, il ministro degli esteri del Bahrein e il primo ministro israeliano Benjamin Natanyahu

Secondo i media israeliani, gli Emirati Arabi Uniti, che hanno annunciato l’accordo con Israele il mese scorso, dovrebbero firmare un trattato di pace completo. Il Bahrein ha annunciato solo venerdì di aver raggiunto un accordo con Israele e firmerà una dichiarazione congiunta di “dichiarazione di pace”.

I tre paesi firmeranno anche un accordo tripartito, ha riferito AP. Il testo completo degli accordi non è stato ancora pubblicato

La cerimonia della firma si svolgerà alle 12:00 nel South Lawn della Casa Bianca, lo stesso luogo in cui i leader israeliani e palestinesi hanno firmato gli accordi di Oslo nel 1993.

Vi parteciperanno 700 persone tra cui l’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Nikki Haley e l’ex premier britannico Tony Blair

“La normalizzazione dei legami tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele è una svolta diplomatica storica e un segno di speranza che il progresso in Medio Oriente è possibile”, ha scritto lo sceicco Abdullah sul Wall Street Journal .

“Questa è un’opportunità per un nuovo approccio per affrontare le sfide della regione. In un’area e in un’epoca troppo piene di cattive notizie, aumenta le opportunità e l’ottimismo rispetto al conflitto e al disfattismo “.

Il ministro degli Affari esteri degli Emirati Arabi Uniti, Anwar Gargash, ha affermato che l’accordo ha “infranto la barriera psicologica” ed è “la via da seguire” per la regione.

Netanyahu ha detto che Israele ha “lavorato su questo per molti anni”.

“Questo è un enorme punto di svolta nella storia di Israele, così come nella storia del Medio Oriente”, ha detto. “Avrà un enorme impatto positivo su tutti gli israeliani arabnews