Tag archive

Erdogan - page 2

Posted on in NEWS INTERNAZIONALI/News Uk

Exclusive: this is how Erdogan’s Turkey recruits young Islamists

By Souad Sbai Turkey: One of the most disturbing but least examined aspects of Erdogan’s neo-Ottoman strategies, concerns the policies implemented in the field of youth by the Islamist party, of which he is the undisputed leader. During its 16 years of dominance, the AKP (Adalet ve Kalkınma Partisi – Party for Justice and Development,… Continua a leggere

Posted on in Editoriale

Esclusivo: ecco come la Turchia di Erdogan recluta giovani islamisti

di Souad Sbai Turchia. Uno degli aspetti più inquietanti ma meno esaminati delle strategie neo-ottomane del presidente sultano Erdogan, riguarda le politiche attuate in ambito giovanile dal partito islamista di cui è leader incontrastato e incontrastabile. Nel corso dei suoi 16 anni di predominio, l’AKP (Adalet ve Kalkınma Partisi – Partito per la Giustizia e… Continua a leggere

Posted on in News Es/NEWS INTERNAZIONALI

La cuestión neo-Otomana

Turquía actualmente persigue los siguientes objetivos: 1) convertirse en una potencia regional euroasiática; 2) posteriormente unir luego a todos los grupos étnicos turcomanos desde Anatolia hasta Xinjiang; 3) finalmente convertirse en un país líder en el mundo musulmán sunita. Haciendo referencia específica al primer objetivo, la relación entre Turquía y Estados Unidos se encuentra en… Continua a leggere

Posted on in NEWS INTERNAZIONALI/News Uk

The Neo-Ottoman Issue

Turkey is currently pursuing the following aims: 1) ​​becoming a Eurasian regional power; 2) later uniting all Turkmen ethnic groups from Anatolia to Xinjiang; 3) finally becoming a leading country in the Sunni Muslim world. With specific reference to the first aim, the relationship between Turkey and the United States is at the lowest ebb… Continua a leggere

Posted on in Esteri/Le Brevi

La Turchia Cavallo di Troia dei jihadisti. Sulla Siria, Erdogan insiste con gli USA per controllare parte del Paese.

Sulla Siria, Erdogan insiste con gli USA per intervenire militarmente con la scusa della minaccia curda ma il suo vero obiettivo è invadere il nord-est con migliaia di miliziani islamisti supportati dall’esercito turco.  La Turchia è pronta a prendere immediatamente il controllo di Manbij, località strategica nel nord della Siria a ovest del fiume Eufrate,… Continua a leggere

Posted on in Editoriale

LE DONNE SAUDITE CONTRO I FRATELLI MUSULMANI

di Souad Sbai Donne che avanzano e donne costrette invece ad arretrare nel campo dei diritti: sono le due facce della questione femminile oggi in Medio Oriente. Da un lato, le donne saudite proseguono lungo il cammino dell’autodeterminazione, un cammino fatto di piccoli passi da gigante che fa storcere il naso a chi non vede… Continua a leggere

Posted on in NEWS INTERNAZIONALI/News Uk

Turkey: Trojan Horse of the Jihadists Syria: Erdogan insists with the United States to control part of the country

On Syria, Erdogan insists that the United States must intervene militarily with the excuse of the Kurdish threat, but his real objective is to invade the north-east with thousands of Islamist militias supported by the Turkish army. Turkey is ready to immediate take control of Manbij, a strategic city in northern Syria, west of the… Continua a leggere

Posted on in News Es/NEWS INTERNAZIONALI

Turquía: Caballo de Troya de los yihadistas En Siria, Erdogan insiste con Estados Unidos para controlar parte del país

En Siria, Erdogan insiste en que Estados Unidos intervenga militarmente con la excusa de la amenaza kurda, pero su objetivo real es invadir el noreste con miles de milicias islamistas apoyadas por el ejército turco. Turquía está lista para tomar inmediatamente el control de Manbij, una ciudad estratégica en el norte de Siria, al oeste… Continua a leggere

Qater e Libano
Posted on in News Uk

Qatar buys (also) Lebanon: Doha will buy Treasury bonds

Qatar’s expansionist ambitions have no limits. The Middle East is a market that is always open, where there is no money here Doha arrives to pay the coffers of the crying states, even if the rates to be paid to the State of the Muslim Brotherhood are rather high and not the terms of money… Continua a leggere

Posted on in News Es/NEWS INTERNAZIONALI

Nueva base de la industria de defensa turca: Erdogan da las gracias a Qatar

Qatar y Turquía intercambiaron otro regalo; entre hermanos (musulmanes, obviamente) es normal, pero para quienes no forman parte de la familia creada en los años 20 por Al Banna, la de familia de los Hermanos Musulmanes, el último regalo de Qatar al dictador Erdogan debería ser motivo de preocupación. Qatar ha ofrecido su ayuda la… Continua a leggere

Posted on in Esteri/Le Brevi

Nuova base dell’industria della Difesa turca: Erdogan ringrazia il Qatar

Qatar e Turchia si sono scambiati un altro regalo, tra Fratelli (musulmani ovviamente) è normale ma per chi sta fuori la famiglia creata negli anni ’20 da Al Banna, quella della Fratellanza Musulmana, questo ennesimo regalo del Qatar al dittatore Erdogan dovrebbe suscitare preoccupazione.  Il  Qatar ha offerto sostegno nella costruzione della nuova base dell’industria della… Continua a leggere

Posted on in NEWS INTERNAZIONALI/News Uk

Turkey has announced a 460-km wide and 32-km deep buffer zone along the border with Syria

Turkey has announced a 460-km wide and 32-km deep buffer zone along the border with Syria after reports of rising tension in the region, state-run Anadolu news agency reported. Presidential spokesperson Ibrahim Kalın said that Turkey would have control over the proposed safe zone along Syria’s northern border, Al Arabiya reported. Earlier, Turkish media outlets… Continua a leggere

Posted on in Esteri/Le Brevi

Siria, timori sulla “safe zone” da parte della Turchia Con la scusa della minaccia curda, Erdogan è pronto a invadere il nord della Siria con migliaia di jihadisti sotto il controllo dell’intelligence di Ankara

In Siria crescono i  timori sulla “safe zone” da parte della Turchia con la scusa della minaccia curda, Erdogan è pronto a invadere il nord della Siria con migliaia di jihadisti sotto il controllo dell’intelligence di Ankara. Eppure tutto questo è stato permesso anche da Trump e dalla -incomprensibile- scelta di ritirare parte del contingente… Continua a leggere

Vai a Inizio pagina