Ilva Taranto, processo Ambiente svenduto: chiesti condanna di 25 anni per i fratelli Riva e 5 anni per l’ex governatore Nichi Vendola

in Cronaca

Quasi 400 anni di carcere: è questa la richiesta della Procura tarantina nei confronti di 35 imputati nel processo Ambiente Svenduto, ovvero il procedimento sul disastro ambientale e sanitario generato secondo l’accusa dalle emissioni nocive dell’ex Ilva di Taranto. Sono 35 le condanne per un totale di quasi 400 anni di carcere chieste dalla Procura di Taranto al termine della requisitoria nel maxi processo “Ambiente svenduto” sul disastro ambientale e sanitario generato secondo l’accusa dalle emissioni nocive dell’ex Ilva di Taranto. Al nono giorno di requisitoria dinanzi alla Corte d’assise, i sostituti procuratori Mariano Buccoliero, Giovanna Cannarile, Remo Epifani e Raffaele Graziano con il procuratore facente funzione Maurizio Carbone hanno depositato le richieste di condanna e di assoluzione nei confronti dei 47 imputati (44 fisiche e 3 società) finite alla sbarra con accuse gravissime come associazione a delinquere finalizzate al disastro ambientale, omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di sostanzealimentari, corruzioni in atti giudiziari, omicidio colposo e altre imputazioni. …. segue https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/02/17/ilva-taranto-processo-ambiente-svenduto-chiesti-25-anni-di-carcere-per-i-fratelli-riva-e-5-anni-per-lex-governatore-nichi-vendola/6104591/