Fuga da WhatsApp, l’app continua a perdere utenti

in Esteri

Fuga da WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea continua a perdere utenti. I nuovi termini d’uso spaventano i possessori dell’applicazione di messaggistica più famosa al mondo, ne giovano Telegram e Signal. Negli ultimi giorni la popolare app creata nel 2009 e facente parte di Facebook, ha perso milioni di utenti a causa dei nuovi termini di servizio la cui accettazione obbligatoria ha causato non pochi problemi. La comunicazione maldestra e le informazioni pressoché nulle hanno fatto il resto, spingendo milioni di utenti a trasferirsi su Signal (1,3 milioni in un giorno) e Telegram (25 milioni in tre giorni).

Volendo usare le parole del Garante italiano per la privacy, che ha avvisato i suoi omologhi europei e non esclude interventi d’urgenza: “La situazione è poco chiara e non idonea a consentire la manifestazione di una volontà libera e consapevole”. La risposta di uno dei portavoce dell’app è stata immediata: “Questo aggiornamento fornisce ulteriore trasparenza e non influisce sulla privacy”.

Ma cosa cambierà? Dall’8 febbraio, per continuare a usare WhatsApp bisognerà accettare questo nuovo blocco di condizioni. In Italia e nel resto d’Europa, dove dal 2018 è in vigore il regolamento per la privacy Gdpr che fra le altre cose impone la trasparenza totale, i cambiamenti sono minimi: Facebook (avendo comprato WhatsApp nel 2014) continuerà a vedere «le informazioni sul dispositivo da cui viene utilizzata» e continuerà a non poter usare queste informazioni per «l’invio di pubblicità o contenuti targettizzati» come spiega l’avvocato Ernesto Belisario.

La novità principale è relativa alle aziende che usano il software di Whatsapp per comunicare con i clienti, e avranno accesso alle conversazioni per finalità di marketing. Questo è il fattore a cui prestare attenzione, perché l’intenzione di Mark Zuckerberg è di farci usare sempre di più il suo agglomerato di app, tra cui anche Instagram, per effettuare acquisti online di qualunque genere.

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO CLICCA QUI

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina