trump twitter

Twitter crolla a Wall Street dopo aver bloccato Trump, -10,12%

in Esteri

Twitter affonda a Wall Street all’avvio delle contrattazioni, dopo aver censurato Donald Trump. I titoli della società che cinguetta perdono il 10,12%. In calo anche Facebook, che cede il 3,30%

Venerdì scorso il social media ha escluso in modo permanente il presidente uscente degli Usa, il quale, ricorda Bloomberg, ha oltre 88 milioni di persone che seguono il suo account.

 “La cancelliera Angela Merkel ritiene problematico che sia stato bloccato in modo completo l’account Twitter di Donald Trump”. Lo ha detto il protavoce Steffen Seibert, in conferenza stampa a Berlino, rispondendo a una domanda specifica sull’argomento.

La Francia deplora la decisione di Twitter di escludere il presidente uscente degli Stati Uniti, Donald Trump, sottolineando che regolamentare la rete non spetta ai colossi del web. “Ciò che mi sciocca è che sia Twitter a decidere di chiudere” il profilo di Trump, ha dichiarato il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, intervistato ai microfoni di radio France Inter. “La regolamentazione dei colossi del web – ha avvertito – non può avvenire attraverso la stessa oligarchia digitale”. Una decisione che ha già suscitato numerose reazioni ai quattro angoli del pianeta, incluso nella classe politica francese.

L’Ue evidenzia necessità di nuove regole. “Vorremmo conciliare il rispetto dei diritti fondamentali con una maggiore responsabilità delle piattaforme social”, per questo “c’è la necessità di una maggiore regolamentazione” del mondo online da parte dei governi. Così un portavoce della Commissione Ue sulla decisione delle principali piattaforme social di sospendere gli account di Trump. Lo scorso 15 dicembre, la Commissione Ue ha presentato la sua proposta per regolamentare i contenuti online (il Digital Services Act) che, ha ricordato il portavoce, prevede che le piattaforme spieghino “come moderano i contenuti”, stabiliscano “in termini chiari quali sono le regole” e informino “sulla decisione di sospendere un account”. Queste regole, se saranno adottate dagli Stati membri, “possono ispirare anche altri governi a livello internazionale”. Anche l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell, ieri si era espresso sul suo blog a favore della libertà d’espressione.

ANSA

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina