sceicco Beitar Gerusalemme

Sceicco diventa socio Beitar Gerusalemme, club anti-arabo: i dubbi sull’operazione

in Sport

Alcune incertezze si sono profilate, secondo il quotidiano economico the Marker, sull’acquisto da parte di un facoltoso uomo di affari degli Emirati arabi uniti del club calcistico Beitar Gerusalemme, una transazione scaturita dalla firma degli accordi di pace fra i due Paesi. In base a quell’accordo lo sceicco Hamed bin Khalifa al-Nahyan ha acquistato metà della proprietà della squadra per 100 milioni di shekel (25 milioni di euro) e si è impegnato ad investirne altri 200 milioni nel prossimo decennio. Ma secondo il giornale una apposita commissione della Associazione calcio israeliana che giovedì ha vagliato l’ingresso del nuovo proprietario ha chiesto allo sceicco informazioni più dettagliate sulle sue disponibilità finanziarie.

Il proprietario del Beitar Gerusalemme Moshe Hogheg si è lamentato della divulgazione di “voci tendenziose” e si è augurato che esse non siano comunque tali da indurre il suo nuovo partner a recedere dall’acquisto. La Associazione calcio israeliana si è limitata ad un ‘no comment’. Secondo the Marker entro tre settimane la Commissione dovrebbe pubblicare le proprie conclusioni.

ANSAmed

Ultime da Sport

Vai a Inizio pagina