Brexit: la Gran Bretagna molla l’Ue e i migranti

in Esteri/Immigrazione

DAL 1°GENNAIO PER LONDRA È DECADUTO IL TRATTATO DI DUBLINO

Dopo la Brexit la questione migranti resta da negoziare. Dal 1 gennaio il regolamento di Dublino non è più valido per il Regno Unitoe anche i ricongiungimenti familiari saranno fortemente limitati. L’accordo per l’uscita della Gran Bretagna dall’Europa, infatti, non ha incluso il tema dei flussi migratori. Ancora oggi, a Calais migliaia di persone spingono per entrare nel Regno Unito e la questione è un problema per la Francia e per tutti i paesi europei. Parigi si interroga sul tema e dalle pagine di Le Monde, proprio un reportage da Calais mostra come il confine tra Francia e Inghilterra è ancora battuto da coloro che tentano di oltrepassare la Manica con ogni mezzo. Dopo lo smantellamento nel 2016 del campo profughi che  ospitava oltre 10mila persone, la situazione non è cambiata. Con la Brexit alle porte, secondo quanto riportato dal reportage del quotidiano francese, i controlli della polizia sono aumentati e a fine dicembre e la prefettura della città ha segnalato 2889 tentativi di passaggio della Manica in camion, contro i 1400 dello stesso periodo nel 2019. 

Nell’accordo siglato tra Regno Unito e Unione europea 1l 24 dicembre scorso per …

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO CLICCA QUI

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina