Repubblica Democratica del Congo, almeno 25 civili uccisi in un sanguinoso attacco del gruppo ADF

in Esteri/Terrorismo

Almeno 25 civili sono stati uccisi ieri nella travagliata regione di Beni nella Repubblica democratica del Congo orientale in un attacco attribuito a membri del gruppo armato di origine ugandese Allied Democratic Forces (ADF).
“La gente andava nei campi a prepararsi per il capodanno, l’ADF li raccoglieva uno dopo l’altro. Il bilancio è di almeno trenta morti ”, ha detto Bravo Mohindo Vukulu, Presidente della rete delle organizzazioni della società civile a Tingwe, il luogo del massacro situato a 8 km dal centro di Eringeti. “Avevamo avvisato le nostre forze che c’era stato un passaggio dell’ADF da est a nord-est di Eringeti. Non hanno reagito rapidamente ”, si è lamentato Mohindo Vukulu. Le ADF sono ribelli musulmani ugandesi installati nella RDC orientale dal 1995. Sono anni che non attaccano il vicino Uganda, vivendo di tratta nella fitta foresta intorno a Beni, dove si sono stabiliti. È il gruppo armato più letale (più di 800 morti in un anno) tra le dozzine ancora attive nelle due province del Kivu. Dall’aprile 2019, molti dei loro attacchi sono stati rivendicati dallo “Stato islamico – Africa centrale”. Le ADF da parte loro non hanno mai rivendicato alcuna azione.

Redazione

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina