rifiuti tunisia italia

Tunisia: rifiuti illegali dall’Italia, il caso si allarga

in Esteri

Sono accusate a vario titolo di diversi reati, la maggior parte per “uso di documenti falsi” e “partecipazione all’importazione vietata di rifiuti pericolosi” le 23 persone indagate dalla procura di Sousse nell’ambito del caso dei rifiuti importati illegalmente dall’Italia. 12 sono da lunedì in manette in via preventiva, tra esse anche l’ex ministro dell’Ambiente e alti funzionari doganali.

L’indagine penale, avviata dopo la messa in onda di un servizio della tv privata El Hiwar Ettounsi sull’arrivo in Tunisia dall’Italia di 70 container con 120 tonnellate di rifiuti considerati non a norma e senza le necessarie autorizzazioni, e altre 200 tonnellate di rifiuti dello stesso tipo, in attesa di essere smistati nel porto di Sousse, si basa sul fatto che l’importazione sarebbe stata autorizzata per “scarti plastici per il riciclaggio industriale”, ma invece sarebbero stati riempiti con rifiuti domestici solidi urbani e pericolosi, di cui è vietata l’importazione dalla legge tunisina.

Il caso punta i riflettori sul torbido commercio globale di rifiuti, che è cresciuto nonostante le normative internazionali più severe volte a impedire ai paesi ricchi di scaricare i loro rifiuti pericolosi nei paesi più poveri. I contenitori sono stati importati in due spedizioni dalla società tunisina Soreplast, che ha affermato di avere il permesso del governo locale di importare e riciclare scarti di plastica industriali.

Tuttavia, il contratto siglato da Soreplast con l’azienda italiana che ha venduto i rifiuti, Sviluppo Risorse Ambientali Srl, ha affidato a Soreplast il “recupero dei rifiuti e il loro successivo smaltimento” in Tunisia.

Il contratto di Soreplast, con l’azienda italiana, che raccoglie e tratta i rifiuti nella regione Campania, visionato dall’Afp, prevedeva che Soreplast avrebbe smaltito fino a 120.000 tonnellate di rifiuti a 48 euro per tonnellata, per un totale di oltre cinque milioni di euro. L’8 luglio, i funzionari tunisini avevano deciso di confiscare i container e rispedirli in Italia, ha detto un funzionario della dogana, parlando a condizione di anonimato. Ma rimangono ancora in Tunisia. Il caso ha fatto scattare l’allarme in Tunisia, che si trova a poche centinaia di chilometri dall’Europa e fatica a far fronte allo smaltimento dei propri rifiuti.

ANSAmed

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina