Il team Follieri motorsport ritorna alle gare kart dopo 18 anni di assenza

in Editoriale/Sport

Gianluca Follieri con i telai DR racing e i motori TM preparati da Mencarani Racing centra due terzi posti.

Una lunga assenza dal mondo delle corse. Da quegli anni 90’ che per il karting sono stati gloriosi a livello nazionale (l’Italia era la patria indiscussa del karting) e internazionale. Anni che anno sfornato campioni storici dell’automobilismo mondiale da Giancarlo Fisichella, Jarno Trulli, Fernando Alonso, Jenson Button, per citarne alcuni. Tanti altri non hanno centrato l’obiettivo Formula Uno, per sfortuna o mancate occasioni, ma restano campioni indiscussi del karting e di molte discipline automobilistiche dalle GT alle formule minori.

Dopo tanti anni i fratelli Follieri hanno tentato una piccola impresa, quella di rifondare una squadra corse per mettersi in gioco. Gianluca Follieri è risalito sul kart dopo quasi venti anni trovando un ambiente molto diverso da allora, totalmente trasformato, per l’organizzazione sportiva, soprattutto a livello italiano che non è più l’epicentro del karting mondiale come in passato. A livello tecnico, i mezzi si sono evoluti e le categorie sono completamente diverse.

A strutturare la squadra corse una collaborazione con il mentore dei fratelli Follieri che nei primi anni 90’ insegnò al giovanissimo Gianluca tutto sulle corse e sul mondo del kart, il cinque volte campione del mondo kart Danilo Rossi che nel contempo è diventato costruttore di telai kart (DR racing kart) e titolare dell’omonimo team di Formula 4. A supportare la squadra a livello motoristico Daniele Mencarani (Mencarani Racing) il preparatore dei motori Tm che equipaggiano i kart della Follieri Motorsport, che contemporaneamente schiera in pista il giovane e talentuoso Daniele Beffarelli nella categoria Top Driver con i telai Oberon.

Il rientro per Gianluca è stato brusco e difficile, sia per l’età 38 anni non sono più 20 di allora, sia per adattarsi alla guida dei nuovi mezzi che hanno specifiche ben diverse da allora. Sedute di allenamento costanti lo scorso Giugno 2020, hanno consentito a Gianluca di riprendere confidenza con la guida e rimettersi in forma fisica e dopo solo 4 mesi è ritornato in pista al campionato regionale Aci Club, prima nella pista di Artena (Roma), poi ad Aprilia (Latina). Una prima presa di contatto anche per testare i mezzi, la guida e la competitività.

Alle prime due gare che hanno chiuso la stagione 2020 Gianluca ha centrato due terzi posti che fanno ben sperare per la prossima stagione. Ora nella pausa invernale è il momento di testare i materiali e salire di livello di competitività per una stagione 2021 che si presenta intensa di impegni. Oltre alle gare del campionato regionale ACI CSAI CLUB, ci sarà il trofeo nazionale e il Campionato Italiano, mentre il team sta valutando la possibilità di qualche partecipazione di livello internazionale.

Gazzettino Italiano Patagonico

Ultime da Editoriale

Vai a Inizio pagina