Pane Quotidiano: “In fila per i pasti almeno il 10% in più, tanti italiani”

in Politica

Rispetto a un anno fa ci sono tra le duecento e le trecento persone in più in fila ogni giorno per avere la propria razione di cibo da Pane Quotidiano, la onlus che a Milano distribuisce generi alimentari a chi ne ha bisogno. Lungo viale Toscana, dove ha sede uno dei due magazzini (l’altro è in viale Monza), le code ci sono “da parecchi anni”, ma nell’anno del Covid, le persone che si recano all’associazione ogni giorno per un pasto “sono aumentate di circa il dieci per cento”. Luigi Rossi, vice presidente di Pane Quotidiano, spiega la situazione mentre è impegnato con la distribuzione delle razioni. Nei giorni scorsi, la foto della fila di persone sul marciapiede che attendevano il loro turno per avere la razione ha fatto il giro del web. “Capisco che per molti sia stato uno shock, ma queste file da Pane Quotidiano è da parecchi anni che si sono. Si sono intensificate negli ultimi giorni, ma questa coda c’è sempre, da parecchio tempo. Sabato mattina di solito è interminabile, ma anche adesso, che sono le 10 di mercoledì, la fila arriva al semaforo dell’incrocio con via Castelbarco”, racconta Rossi all’Adnkronos. In media, sono aiutate dalle 3mila alle 3.500 persone ogni giorno, con punte di 4mila al sabato e circa un milione di consegne all’anno. La razione prevede 300-350 grammi di pane, un litro di latte, un pacco pasta, yogurt, formaggi e talvolta anche salumi, frutta e verdura e dolciumi…..continua su adnkronos

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina