Il Deputato turco indagato per aver criticato l’accordo militare tra Turchia e Qatar

in Esteri

Il Deputato Ali Mahir Basarir, del Partito CHP, ha affermato che l’esercito turco è stato venduto al Qatar in base ad una serie di accordi firmati tra i due governi il 26 novembre lo scorso anno. Durante un’intervista televisiva, il deputato ha detto: “Siamo arrivati ​​al punto in cui l’esercito dello stato viene venduto al Qatar per la prima volta nella storia del paese”.

Ha criticato il contratto che è stato firmato lo scorso anno con il produttore di veicoli militari BMC, una joint-venture turco-qatariota, per la produzione in serie del carro armato Altay, il primo carro armato da battaglia di nuova generazione della Turchia.

L’ufficio del procuratore capo di Ankara il 29 novembre non ha perso tempo ed ha aperto un’indagine sul politico dell’opposizione per “aver umiliato il governo turco e l’esercito”.

Ma Basarir ha negato che le sue osservazioni fossero critiche nei confronti dell’esercito, come si legge in un suo twitter: “Vendere una fabbrica militare del nostro esercito in un altro paese è un tradimento. È un tradimento. “

La principale fabbrica di carri armati della Turchia è stata trasferita ad un’impresa privata turco-qatariota nel 2019 per produrre veicoli blindati.

Il partner turco di BMC, Ethem Sancak, è noto per essere uno stretto confidente del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

L’impianto è stato affittato da BMC, che gestirà la fabbrica nazionale di carri armati per 25 anni, ma il prezzo di locazione non è mai stato reso pubblico.

L’accordo è stato criticato da esponenti dell’opposizione all’epoca, che hanno sottolineato l’importanza strategica di una tale fabbrica per le capacità di difesa della Turchia.

Lo scorso anno il Qatar ha anche firmato un contratto da un miliardo di dollari per acquistare circa 100 carri armati dalla Turchia.

“Questo governo ama il Qatar più dei turchi”, ha twittato il parlamentare del CHP Alpay Antmen. “È totalmente ’emotiva’ “. tratto da arabnews

Redazione

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina