Tunsa associazione spaziale Tunisia

Tunisia: nasce Tunsa, la prima associazione spaziale del paese

in Esteri

In Tunisia un gruppo di scienziati, esperti e giovani studenti tunisini, appassionati di spazio e tecnologie spaziali, ha annunciato la prossima nascita della prima associazione spaziale tunisina “Tunsa”.

“La creazione effettiva di questa associazione è prevista per la fine di febbraio/inizio di marzo 2021. Dopo aver lavorato sull’identità visiva e sul sito web dell’associazione, stiamo ora preparando i documenti legali richiesti e mobilitando i membri. Abbiamo raggiunto circa 100 membri attivi e altamente motivati in tutti i campi legati allo spazio”, ha dichiarato all’agenzia Tap, Ahmed Fadhel, ingegnere aerospaziale, imprenditore dell’industria spaziale e presidente di Tunsa.

L’associazione sarà la cornice ideale per divulgare la scienza spaziale e tutto ciò che riguarda la tecnologia spaziale attraverso accademie, corsi teorici e anche pratici su diversi temi legati al settore spaziale. Il giovane ingegnere aerospaziale tunisino, residente attualmente in Belgio, ha confermato che molti esperti spaziali tunisini, sia all’estero che all’interno del paese, si sono detti pronti a sostenere l’associazione e contribuire a promuovere questa cultura spaziale in Tunisia.

“Molti credono che le scienze spaziali non siano legate ai temi dell’economia, della società, dell’ambiente e della cultura. Una delle nostre missioni sarebbe quella di illuminare il pubblico su queste idee preconcette e in qualche modo democratizzare questo campo in Tunisia e renderlo accessibile soprattutto ai giovani laureati. e giovani promotori di progetti”, ha aggiunto Fadhel. Scienziati e giovani appassionati di spazio che aderiscono al suo progetto vogliono, secondo lui, “offrire a studenti e giovani laureati in Tunisia, la possibilità di lavorare su macchine che verranno mandate nello spazio”.

“Abbiamo esperti che lavorano o hanno lavorato in missioni spaziali all’estero. Questi esperti guideranno i giovani tunisini che costruiranno satelliti, robot, macchine agricole e persino sistemi medici che possono essere utilizzati nello spazio”, spiega. Un altro team sarà incaricato di sviluppare nuovi metodi e strumenti digitali per analizzare i dati dai satelliti. “Questi dati raccolti nel cielo, una volta combinati con altri tipi di dati (aria, terra e mare) formeranno uno strumento decisionale molto potente ed efficace, che metteremo al servizio delle autorità pubbliche tunisine direttamente o attraverso un emergente ecosistema di startup che sarà supportato dall’associazione TUNSA “, ha detto Fadhel.

Il primo satellite Challenge-One, al 100% tunisino, progettato e sviluppato da Telnet Holding, sarà lanciato nello spazio il 20 marzo 2021, in coincidenza con la celebrazione del 65mo anniversario dell’Indipendenza della Tunisia.

ANSAmed

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina