I due volti delle minacce alla nostra sicurezza: Cina e Iran

in Esteri

di Davide Racca

Cina e Iran, due potenze orientali che, sebbene in modo diverso, minacciano la nostra sicurezza. Questo è stato il tema principale al centro dell’ultimo viaggio di Mike Pompeo in Italia nel corso della sua ultima visita ufficiale nel nostro Paese, successiva ad altre visite lampo più o meno pubblicizzate avvenute nei mesi scorsi. Nel mese di settembre, il suo viaggio nella Penisola lo ha condotto a colloqui con le più alte sfere delle autorità delegate alla politica estera. La richiesta più formale è stata quella di un deciso allontanamento da Pechino in relazione ai rischi legati alla tecnologia sviluppata dai cinesi in materia di telecomunicazioni mobili. Il colosso Huawei, con il suo accesso alla rete 5G metterebbe a serio rischio la privacy degli italiani e, soprattutto, rappresenterebbe una seria minaccia per la sicurezza del comparto difesa per il rischio di violazione dei sistemi informatici militari per estendere gli scopi strategici di Pechino.

L’incontro principale, avvenuto con il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha avuto per oggetto appunto il 5G cinese, con il memorandum firmato il 23 marzo 2019 tra Roma e Pechino, ma anche l’opposizione del Movimento 5 Stelle all’acquisto degli F35, considerata una mossa completamente errata in merito all’ammodernamento della difesa aerea, e le dichiarazioni di critica dei grillini sul decreto Golden Power, deliberato per la tutela degli gli assets strategici in un periodo di vulnerabilità finanziaria, ma anche a salvaguardare la fornitura di beni essenziali come presidi medici, prodotti farmaceutici, generi alimentari e le relative filiere. Il tutto ha reso il Movimento 5 Stelle italiano un interlocutore non particolarmente allineato alle posizioni di Washington, quindi da considerarsi ostile alla linea Usa in tema di politica estera.

Ma a margine degli incontri del segretario di Stato, la delegazione americana ha incontrato in modo più  riservato anche i vertici dell’Intelligence, 

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO CLICCA QUI

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina