sito Expertes.ma

Si rinnova Expertes.ma, il primo sito dedicato a donne “esperte”

in Esteri

Expertes.ma, il primo sito dedicato a donne esperte marocchine, si rinnova e lancia la versione in arabo

Una vera e propria vetrina digitale delle competenze delle donne marocchine. Si tratta del sito Expertes.ma, che permette di scoprire i profili di donne esperte in quasi 200 settori attraverso delle capsule video. 

Expertes.ma fa parte degli impegni di 2M, il canale televisivo marocchino che l’ha fondato nel 2016. Il fine è quello di promuovere l’uguaglianza di genere, in conformità con “La carta 2M per il miglioramento dell’immagine delle donne”.

La prima piattaforma marocchina, dedicata al rafforzamento della presenza mediatica di donne esperte, si presente ora rinnovata nella sua identità visiva e aggiornata nelle sue funzionalità.

Le nuove funzionalità del sito Expertes.ma

Molto più intuitiva, la nuova versione del sito Expertes.ma migliora l’esperienza dell’utente. Consente, infatti, di identificare in modo veloce ed efficace tutte le figure esperte ricercate. Anche il processo di registrazione è adesso più semplice e affinato, e dà la possibilità alle esperte registrate di aggiornare autonomamente i propri profili in qualsiasi momento della giornata.

Inoltre, già disponibile in francese, è ora accessibile anche in arabo. Una versione bilingue che mette in mostra molti più profili e soddisfa le esigenze di un maggior numero di utenti.

L’obiettivo di Expertes.ma

L’obiettivo di Expertes.ma è senz’altro quello di aumentare la presenza delle donne nei media e nel dibattito pubblico. Per riuscire nell’intento, 2M ha messo a disposizione un database in costante evoluzione, costituito da sole donne considerate esperte. Proprio coloro che hanno il potere di far luce su questioni di attualità, in particolare inerenti alla politica, all’economia, all’ambiente e alla scienza.

Le donne partecipano realmente allo sviluppo del Paese. Tuttavia, rappresentano solo il 20% dei soggetti e delle fonti di informazione dei media marocchini“, ha messo in luce Khadija Boujanoui, presidente del Comitato per la parità e la diversità di 2M.

Laila Maher

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina