Attentato a Nizza: la Francia ancora nel mirino del terrorismo

in Esteri/Terrorismo

IL KILLER SAREBBE SBARCATO A LAMPEDUSA

di Davide Racca

Attacchi reiterati contro obiettivi francesi. Dopo il tragico attentato di stamani a Nizza, dove hanno perso la vita tre persone, anche ad Avignone e Jedda la Francia è stata obiettivo di assalti all’arma bianca da parte di estremisti islamisti nel giorno in cui i musulmani festeggiano la nascita di Maometto. E il killer che ha colpito a Nizza sarebbe un tunisino sbarcato a Lampedusa. A rivelarlo il deputato francese di LR, Eric Ciotti, secondo cui il maghrebino di 25 anni sarebbe arrivato in Francia di recente attraverso l’Italia. Il nome dell’uomo, stando a quanto emerso, sarebbe brahim Issaoui. 

Attentato a Nizza

A Nizza le vittime dell’attentato nella chiesa di Notre-Dame sono 3: due donne di cui una decapitata e l’altra ferita a morte nel bar vicino alla chiesa in cui si era rifugiata, e il sagrestano sgozzato. L’attentatore, dalle prime informazioni, sarebbe un magrebino di 25 ferito dalle forze dell’ordine, avrebbe urlato “Allah Akbar”. Il centro di Nizza sembra ormai una zona di guerra dove le forze speciali hanno creato un larghissimo perimetro attorno all’area dell’attentato. Gli specialisti dell’antiterrorismo stanno chiedendo alla popolazione di non uscire da casa.

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO CLICCA QUI

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina