Lecce, Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

in Cronaca/Politica

Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri
„Poche decine di facinorosi sono bastate per provocare disordini in una manifestazione sorta dal tam-tam sui social. Lanci di fumogeni e qualche carica, con i più che chiedevano però di continuare a protestare senza violenza“.

“Libertà, libertà”, è stato il coro principale della serata, scandito più volte da un variegato popolo di partite Iva, pizzaioli, lavoratori in genere che oggi si sentono spiazzati dal nuovo Dpcm. Segnando il passo dagli arcobaleni e dall’andrà tutto bene della prima ora alla protesta che, partita nei giorni scorsi da Napoli, sta facendo ora il giro d’Italia, verso la seconda era, quella dell’esasperazione.  Ma, anche se a Lecce non si sono verificati – ed era ovvio – scontri di intensità simile delle grandi città, i momenti di tensione, e anche forti, non sono mancati.

Poche decine di facinorosi infiltrati sono bastate per portare turbamento in una manifestazione (comunque non autorizzata) nata da messaggi veicolati sui social fin dal mattino. Ed era prevedibile, in un momento storico di fibrillazione allo stato puro. Un cordone di forze dell’ordine forzato, accensione e, soprattutto, lanci di fumogeni, alcuni indirizzati alle pattuglie di polizia locale sua via Cavallotti, per poi passare a istanti di veri e propri scontri, con attimi di faccia a faccia persino fra gli stessi manifestanti. I più, infatti, chiedevano che tutto proseguisse in modo pacifico, condannando in maniera aperta le intemperanze.“


„La protesta, come detto, nata pacifica, si è sviluppata in serata nelle due piazze principali della città, Sant’Oronzo e Mazzini, animata da circa 200 persone, soprattutto lavoratori delle categorie maggiormente colpite dalle restrizioni imposte. Oggi, infatti, è entrato in vigore l’ultimo provvedimento in ordine di tempo per cercare di arginare la diffusione del Covid-19: bar e ristoranti chiudono alle 18, stop alle attività di piscine e palestre, sale bingo e scommesse. “ continua su Lecceprima.it

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina