Prof decapitato, proteste in Francia. Macron: “Azioni immediate contro gli islamisti”

in Esteri/Terrorismo

Continuano in Francia le proteste per l’uccisione di Samuel Paty, il 47enne professore di storia di una scuola media della banlieue parigina, decapitato venerdì scorso per aver mostrato in classe alcune vignette su Maometto. Intanto, dopo una riunione del Consiglio della Difesa convocata dal presidente Emmanuel Macron, sono state annunciate “misure immediate” contro i gruppi legati al terrorismo islamico che subiranno nelle prossime ore verifiche da parte della polizia.

Non si placano in Francia le proteste per la morte di Samuel Paty, il 47enne professore di storia di una scuola media della banlieue parigina, decapitato venerdì scorso per aver mostrato in classe alcune vignette su Maometto, pubblicate sul giornale satirico Charlie Hebdo, durante una lezione sulla libertà d’espressione. Per l’omicidio sono state fermate in totale 11 persone, mentre l’esecutore materiale dell’attacco, un fondamentalista 18enne di origine cecena, è rimasto ucciso durante il tentativo d’arresto da parte della polizia. Manifestazioni si sono tenute nel weekend nella Capitale ma anche a Bordeaux, Tolosa e Marsiglia, dove centinaia di persone si sono riversate in piazze munite di mascherina e al grido di #jesuisprof, hashtag diventati popolare in pochi minuti anche sui social network.

Intanto, sempre ieri si è svolta all’Eliseo una riunione d’urgenza del Consiglio della Difesa convocata dal presidente Emmanuel Macron che, stando a quanto riporta Bfm-tv, non avrebbe usato mezzi termini per commentare quanto successo, promettendo azioni immediate contro gli islamisti. “Hanno apertamente lanciato una fatwa contro il professor Paty”, ha dichiarato questa mattina il ministro dell’Interno Gerald Darmanin a radio Europe 1. Pertanto, sono state rafforzate le misure di sicurezza alla riapertura delle scuole mentre ulteriori provvedimenti sono stati annunciati contro associazioni o individui che diffondono messaggi d’odio contro gli insegnanti. Sempre Macron ha chiesto “che si passi rapidamente all’azione contro tutti coloro che cercano di opporsi all’ordine repubblicano”. Darmanin ha anche aggiunto di voler discutere dello scioglimento di alcune associazioni legate al terrorismo islamico, mentre tutti coloro che inneggiano all’assassino del docente subiranno già nelle prossime ore verifiche da parte della polizia francese. Si tratta di almeno una ottantina di persone. fanpage

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina