Coronavirus, non solo calcetto: gli sport più strani vietati dal nuovo Dpcm.

in Salute/Sport

Sono numerosi gli sport, in totale 130, che il Dpcm di ottobre con le nuove misure di contenimento del contagio da coronavirus ha vietato di svolgere a livello amatoriale. Nella lista non ci sono solo sport popolari come il calcetto e il basket ma anche tanti altri meno conosciuti.

Dal tango al calcetto, dalla lotta sarda al taekwondo.

Nella lista nera anche s’istrumpa e floorball. Tra gli sport più curiosi e meno conosciuti, dovranno deporre bastoni e palline gli appassionati di bandy. Come i 200 praticanti della s’istrumpa, stop ai pon pon delle cheerleader, stop al floorball e al sepaktakraw .

Stop dunque a calcetto, calciotto e calcio a 11 per gli amici abituati a prenotare il campetto ogni settimana. Lo stesso per basket, pallavolo, pallamano, rugby e hockey. Una restrizione che pesa fortemente sulle spalle dei gestori degli impianti che hanno dovuto chiudere i cancelli e ora attendono ammortizzatori da parte del governo.

Fermo lo sport fai-da-te in parchi e giardini.

No anche agli appassionati del combattimento e delle arti marziali praticati in forma spontanea, ad esempio nelle ville o nei locali di associazioni improvvisate, come pugilato, lotta libera e greco-romana, judo, karate, taekwondo, aikido, capoeira, kickboxing, ju-jitsu e così via.

Fermi anche i ballerini e le ballerine di danza, gli appassionati di ginnastica artistica e ritmica o gli amanti del tango, a meno di non esercitarsi singolarmente alla sbarra o di praticarli in forma individuale. Anche per canottaggio, bob su pista, pattinaggio, slittino e rafting: si può vogare in 4 senza problemi se si è atleti, non si può discendere un torrente a bordo di un gommone se si è in vacanza con tre persone.

Redazione

Ultime da Salute

Vai a Inizio pagina