Nodo su movida e convivialità, ipotesi anticipo del Dpcm

in Politica

Rafforzare lo smart working, chiusure localizzate tempestive, possibile stretta su trasporti e orari dei locali.

Il governo al lavoro per il varo del nuovo Dpcm sulle misure anti Covid per far fronte all’emergenza. A palazzo Chigi riunione dei capi delegazione con il premier Giuseppe Conte

Il nodo della movida e della convivialità, a quanto si apprende da fonti di governo, è stato al centro della riunione dei capidelegazione e del premier Giuseppe Conte.E si è discusso anche dell’idea di chiudere i locali alle 24, orario che non avrebbe ripercussioni negative sui ristoranti.

Alla riunione è inoltre emersa l’ipotesi di anticipare il varo del Dpcm a lunedì sera ma – spiegano le stesse fonti – essendo i tempi molto stretti non si può escludere che la nuova stretta venga messa in campo, come da programma, nella serata di mercoledì.

Domani i ministri coinvolti dalle nuove misure – che includeranno anche una rimodulazione dello smart working – lavoreranno sulla messa a punto dei provvedimenti.

Speranza, non siamo fuori dalla fase difficile. Riunione d’urgenza domenica del Cts. Oggi si registra un nuovo balzo dei contagi in Italia. Nelle ultime 24 ore i positivi sono aumentati di 5.724, con 29 morti. ansa

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina