Moglie del rapper tedesco condannata per terrorismo

in Esteri/Terrorismo

La vedova di un rapper di origine tedesca che si è unito al gruppo Daesh in Siria, ed è stato ucciso in un attacco aereo, è stata condannata per appartenenza ad un’organizzazione terroristica.
Il tribunale dello stato di Amburgo ha condannato Omaima A., 36 anni, a tre anni di carcere, ha riferito l’agenzia di stampa dpa.
La donna nata ad Amburgo di origini tunisine, il cui cognome non è stato fornito in linea con le leggi tedesche sulla privacy, è stata anche condannata per non essersi occupata adeguatamente dei suoi figli, violazioni di armi e aiuto nella riduzione in schiavitù di una ragazza yazida.
La donna ha seguito il suo primo marito in Siria nel 2015 e ha vissuto nella roccaforte Daesh di Raqqa con i loro tre figli.
Dopo che suo marito è stato ucciso nel 2015, ha sposato il suo amico, il rapper tedesco Denis Cuspert, che si chiamava Deso Dogg prima di abbandonare la professione e unirsi all’organizzazione terroristica.
Cuspert, che è stato in tournée negli Stati Uniti nel 2006, ha prestato la sua voce per registrare gli inni che i militanti usavano per reclutare i video che hanno fatto circolare online.
Il governo degli Stati Uniti lo ha designato un “terrorista globale”. Il Pentagono ha inizialmente affermato, nel 2015, che Cuspert è stato ucciso in un attacco aereo. Nel 2018 Daesh ha annunciato che Cuspert era stato ucciso in un attacco aereo in Siria.
A quel punto, Omaima A. era già tornata in Germania.
La Germania ha perseguito in modo aggressivo uomini e donne che sono tornati dopo aver combattuto con il gruppo Daesh o altri gruppi estremisti in Medio Oriente.
Venerdì, i pubblici ministeri federali hanno detto che una donna tedesca era stata arrestata all’aeroporto di Francoforte al suo ritorno dalla Siria con l’accusa di essere un membro del gruppo Daesh.
Il sospetto, identificato solo come Kim A., è accusato di appartenere ad un’organizzazione terroristica e di aver commesso anche altri crimini.
Si dice che abbia viaggiato in Siria con suo marito, Onur E., nel 2014, dove entrambi si sono uniti al gruppo Daesh.
Si dice che Onur E. abbia subìto un addestramento militare e poi abbia combattuto contro le truppe governative siriane. Si dice anche che abbia insegnato a Kim A. come usare un fucile d’assalto.
Ai due era stata data una casa dove vivere che il gruppo Daesh aveva sequestrato ed espropriato ai legittimi proprietari.


Redazione

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina