Matteo Salvini, dietrofront sul caso Gregoretti: “Non chiamo Giuseppe Conte a processo”

in Politica

Alla vigilia dell’udienza preliminare in cui sabato prossimo si deciderà se Matteo Salvini deve essere processato per sequestro di persona – il caso Gregoretti – il leader della Lega spiega che il premier Conte non ha commesso reati esattamente come non li ha commessi lui, non ci sono stati sequestri di persona. “Ho riletto le 50 pagine della memoria difensiva e ho deciso di pubblicarle online, perché tutti sappiano. Ho fatto solo il mio dovere. Penso che tutto finirà nel nulla, magari proprio sabato davanti al giudice dell’udienza preliminare. Rifarei tutto quel che ho fatto. Alla fine di quei soli quattro giorni quelle persone – che stavano su una nave militare italiana – sono state nutrite, curate e inviate alle altre nazioni disponibili a farsene carico”, spiega in una intervista al Tempo. Libero quotidiano