Gavettone per Luigi Di Maio a San Giorgio a Cremano

in Politica

Il clima nel Paese è molto teso, la tensione è palpabile e si manifesta con piccoli o grandi episodi che danno il polso della situazione in Italia. A farne le spese, ieri, è stato Luigi Di Maio, che non sembra particolarmente fortunato con i comizi nella sua terra. Dopo la piazza deserta di Pomigliano d’Arco due settimane fa e quella deserta di Caserta ieri, il ministro degli Esteri è stato colpito da un gavettone a San Giorgio a Cremano.Luigi Di Maio parla nella sua città ma la piazza è deserta

Luigi Di Maio si trovava in Campania per sostenere la candidatura alla Regione di Valeria Ciarambino e proprio nella città che ha dato i natali a Massimo Troisi era stato allestito, ieri, il gazebo dove il ministro degli Esteri avrebbe dovuto parlare ai simpatizzanti del Movimento 5 Stelle. Le (poche) persone accorse per salutare Di Maio e fargli sentire la loro vicinanza hanno comunque cercato di scaldare l’ambiente. Forse troppo, visti i risultati. I cori da stadio gridati a gran voce per lui hanno probabilmente disturbato la quiete della cittadina, o forse qualcuno ha voluto disturbare l’incontro di Di Maio con un gesto eclatante. Fatto sta che da un palazzo vicino pare qualcuno non abbia gradito e così, mentre si apprestava a scattar un selfie con un sostenitore del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio è stato investito da un gavettone in piena regola.

Gli obiettivi dei presenti, che stavano riprendendo l’arrivo del ministro degli Esteri, hanno immortalato il momento e lo sguardo terrorizzato di Di Maio che, prima ancora di realizzare cosa fosse successo, si rivolge alle guardie del corpo per cercare il loro supporto. Per fortuna nessuna conseguenza, se non l’abito completamente bagnato, così come per gli attivisti che si trovavano attorno a lui. Inevitabilmente, le immagini sono rimbalzate rapidamente su tutti i social dove non è mancata l’ironia. “Pensavo fosse amore, invece era un gavettone”, scrive un utente su Twitter. Non si conosce l’identità dell’artefice del gesto e per il momento Luigi Di Maio ha preferito non commentare l’accaduto, proseguendo con gli incontri e i comizi di questo ultimo slancio di campagna elettorale prima del silenzio in vista del voto. il giornale