Costernazione al Parlamento europeo dopo la condanna del giornalista algerino Khaled Drareni

in Esteri

Questa condanna manda un pessimo segnale anche alla società algerina, che si è mobilitata coraggiosamente dal febbraio 2019 contro l’ingiustizia, la corruzione e in difesa della democrazia e delle libertà.

Shock e costernazione sono le parole usate dal Parlamento europeo per qualificare la condanna a due anni in appello del giornalista algerino Khaled Drareni.

“Sono scioccato dalla condanna in appello a due anni di carcere per il giornalista Khaled Drareni. È la più pesante condanna inflitta a un giornalista dall’emergere della stampa indipendente nel 1989”, sottolinea il presidente della delegazione per i rapporti con i Paesi del Maghreb al Parlamento europeo, Andrea Cozzolino. 

Questo verdetto, ha detto, “manda un segnale sbagliato alla vigilia del referendum del 1 novembre per l’adozione di una nuova Costituzione, che prevede comunque un rafforzamento dei diritti e delle libertà pubbliche”. 

Questa condanna, ha proseguito, “manda un pessimo segnale anche alla società algerina, che si è mobilitata coraggiosamente dal febbraio 2019 contro l’ingiustizia, la corruzione e in difesa della democrazia e delle libertà”. 

Coprendo mediaticamente le manifestazioni popolari e pacifiche dell’Hirak, Khaled Drareni ha svolto solo il suo lavoro di giornalista, ha ricordato Cozzolino, invitando “tutte le autorità algerine, e in particolare i nostri colleghi del Parlamento algerino in modo che mobilitino per ottenere il più rapidamente possibile il rilascio di Khaled Drareni e l’abbandono delle iniqui accuse contro di lui”. 

Da parte sua, la presidente della sottocommissione per i diritti umani, Marie Arena ha sottolineato che “la condanna in appello a due anni di carcere per il giornalista Khaled Drareni blocca il diritto alla libertà di espressione in un paese dove la libertà di stampa è stata acquisita a caro prezzo ma salvaguardata”, osservando che “non c’è democrazia senza giustizia, né giustizia senza libertà”. 

Khaled Drareni è direttore del sito di notizie Casbah Tribune e corrispondente in Algeria per il canale francofono TV5 Monde e per Reporter senza frontiere (RSF). È stato incarcerato il 29 marzo, accusato dalle autorità di “incitamento all’assemblea disarmata” e di “attentato all’unità nazionale”. 

Questa condanna ha suscitato la disapprovazione delle associazioni per la difesa dei diritti umani e di quelle delle organizzazioni di giornalisti. notizienazionali.it

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina