Matteo Piantedosi è il nuovo prefetto di Roma: sicurezza, rom e occupazioni i temi caldi

in Politica

Classe 1963, succede a Gerarda Pantalone. Arriva dal Viminale dove è stato capo gabinetto con Salvini e Lamorgese. Il saluto della città.

Il suo nome insieme a quello del prefetto Bruno Frattasi ha circolato per mesi come successore delle prefetta Gerarda Pantalone, in pensione da fine luglio.  Oggi dopo la riunione in Consiglio dei ministri e’ ufficiale. E’ Matteo Piantedosi, il nuovo prefetto di Roma che a poche ore dalla nomina ha ricevuto, almeno via social, il benvenuto della sindaca Virginia Raggi. “Pronti a collaborare per il bene dei cittadini. Ringrazio Gerarda Pantalone per il lavoro svolto per la nostra città”. Ha scritto su Twitter la prima cittadina.

Molte le sfide che lo aspettano sul versante della gestione delle politiche di sicurezza, che richiederanno un dialogo costante proprio col Campidoglio. C’è anzitutto la questione degli insediamenti rom (per la prossima settimana è previsto lo sgombero di quello tollerato vicino a via del Foro Italico) oltre alla prosecuzione del piano di dismissione dei villaggi della solidarietà, dove abitano circa 4.500 persone, che richiede impegno per la loro ricollocazione.

Altro dossier caldo quello degli immobili occupati a scopo abitativo, circa 100, in una città dove il Campidoglio recentemente ha censito 57mila famiglie con disagio abitativo, 15mila delle quali classificate in emergenza. Senza dimenticare le occupazioni con connotazioni politiche, tra cui lo stabile di via Napoleone III dove ha sede CasaPound, e i movimenti della malavita organizzata, sempre attiva sul litorale e nelle periferie della capitale, anche se ridimensionata dalle numerose condanne inflitte con il riconoscimento dell’aggravante dell’associazione mafiosa.

Piantedosi, classe 1963, laureato in Giurispridenza, sposato e padre di due figlie, lascia l’incarico di capo gabinetto del Viminale che ricopriva da giugno 2018 per approdare sullo scranno di Palazzo Valentini.

Nel 2007 era stato vice alla prefettura di Bologna, incarico che lascia due anni dopo per approdare al ministero dell’Interno a dirigere l’Ufficio Relazioni Parlamentari presso l’Ufficio Affari legislativi e Relazioni parlamentari.

A Bologna tornerà da prefetto nel 2017 dopo aver diretto anche l ufficio territoriale di Lodi per anni e aver avuto incarichi direttivi nel settore della Sicurezza all’interno del Viminale.

“Buon lavoro al nuovo prefetto di Roma Matteo Piantedosi, che in tutta la sua carriera ha dimostrato grande serietà e competenza oltre a doti umane fuori dal comune. Farà certamente benissimo, esattamente come il prefetto Gerarda Pantalone che merita il ringraziamento della città”, ha dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini che ha avuto Pintedosi al suo fianco quando era ministro.  Parole di benvenuto arrivano anche dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato: “siamo pronti a collaborare nella lotta al COVID-19 per difendere Roma Capitale”. Repubblicaroma