Lodi, il gallo Carlino canta troppo presto: multa da 166 euro al proprietario 83enne

in Attualita'

Ufficialmente la multa è stata data per non aver rispettato la distanza minima di dieci metri dalle abitazioni vicine (ovvero per l’articolo 16), ma il regolamento all’articolo 24, appunto, vieta anche “la detenzione di animali quando, dalle condizioni di detenzione, l’animale versi in stato tale da disturbare, specialmente dalle ore 22 alle ore 8, la pubblica o privata quiete”. 

Carlino è oltretutto recidivo. L’83enne ha ripreso infatti il gallo di recente dopo qualche anno fa, proprio a causa delle continue rimostranze dei vicini, stanchi dei canti all’alba, dopo averlo posseduto per 10 anni lo aveva ceduto a un amico . Ora l’amico è partito per le vacanze e il gallo è tornato al vecchio padrone che lo ha messo in una gabbia dietro alla villetta. Un ritorno che i vicini non hanno gradito, presentando l’esposto alla polizia locale. 

Il vigile che si è occupato della vicenda, accertato che il gallo cantava alle 4.30, ha chiesto al pensionato di provvedere a fare in modo che l’animale non svegliasse il vicinato così presto, poi è partito per le vacanze. “Quando è tornato in servizio dopo le ferie – ha spiegato il sindaco di Castiraga Vidardo Emma Perfetti – la situazione era identica. La multa era inevitabile”. “Ora – ha aggiunto – il signore dice che vuole rivolgersi in questura e in prefettura per contestare il verbale. Noi diciamo: vada dove desidera. Le normative vanno rispettate”. Tgcom24