Libia: la sconfitta del governo italiano a Misurata

in Esteri

LA MISSIONE IPPOCRATE NEL MIRINO DEL MINISTERO DELLA DIFESA

Fayez al Sarraj manda via i soldati italiani da Misurata. Un fatto quasi inevitabile vista la politica del governo condotta fino ad ora nel paese nordafricano. L’episodio in questione è avvenuto giovedì 30 luglio, quando un Hercules C 130 con 40 soldati (militari del Celio e della Brigata Julia) a bordo, partito da Pisa è atterrato a Misurata, dove dal 2016 l’Italia è presente con la missione ‘Ippocrate’ per fornire assistenza “sanitaria alle forze libiche impegnate nel contrasto alla presenza di Daesh (Isis, ndr) nel Paese”. Secondo quanto emerso, il governo di Tripoli avrebbe negato lo sbarco dei nostri militari contestando la mancanza del visto sul passaporto. Il problema, però, potrebbe non essere stato questo. I nostri militari, secondo altre ricostruzioni, avevano tutta la documentazione completa e la decisione di non farli sbarcare sarebbe meramente politica. 

In ogni caso, questa vicenda ruoterebbe tutta intorno alla missione in  corso proprio a Misurata. Per i primi due anni, all’incirca, l’ospedale ha offerto il supporto sanitario necessario per la lotta contro l’Isis. Poi,….

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO CLICCA QUI

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina