KURDISTA IRQ. ISIS: AMNESTY DENUNCIA I DANNI PSICOLOGICI E FISICI DEI BAMBINI E DELLE DONNE YAZIDE

in Diritti Umani/Esteri

Amnesty International afferma che i bambini della minoranza curdo-yazidA che sono sopravvissuti alla brutale prigionia per mano del gruppo dello Stato Islamico (Isis) in Iraq, ora soffrono di gravi problemi di salute fisica e mentale.
Molti bambini yazidi sono stati uccisi quando l’Isis ha invaso la loro città di Shengal (Sinjar) nel 2014. Sono più di 2mila i noti per essere sopravvissuti, che non ottengono le cure di cui hanno bisogno.
Amnesty afferma che i bambini sono stati quasi abbandonati a loro stessi e che hanno di un disperato bisogno di sostegno.
Quando l’Isis si precipitò nel loro cuore ancestrale nel Kurdistan dell’Iraq, gli yazidi fuggirono sul monte Sinjar. Molti furono uccisi e circa 7mila donne e ragazze furono sequestrate e ridotte in schiavitù. Molti di loro sono state violentate.
Alcuni ragazzi hanno perso gli arti in battaglia, mentre molte ragazze violentate e non potranno avere figli. Amnesty chiede che le donne yazide schiavizzate e che hanno avuto i bambini dei membri dell’Isis di essere reinsediate con i loro figli all’estero.
Sulla base di dozzine di interviste nel regione curda, il rapporto afferma che i bambini sopravvissuti soffrono di “lesioni debilitanti a lungo termine”, nonché di disturbo post-traumatico da stress, sbalzi d’umore”. L’istruzione è molto scarsa o inesistente nei campi profughi, dove decine di migliaia di yazidi sono ancora bloccati.
Anche le donne yazide costrette a sposare i combattenti dell’Isis stanno lottando per affrontare le ferite psicologiche.
“Voglio dire a tutti nel mondo, in particolare alla nostra comunità, per favore, accettateci e accetta tei nostri figli… Non volevamo avere dei figli da queste persone malvage. Ma siamo state costrette”, ha detto Jananha ad Amnesty.
Molte donne yazide furono separate dai loro figli quando fuggirono dall’ultima fortezza dell’Isis in Siria.
“Abbiamo tutti pensato di suicidarci o abbiamo provato a farlo”, ha detto Hanan, una Yazida di 24 anni la cui figlia le è stata tolta. Amnesty ha detto che le madri devono riunirsi in modo permanente con i loro figli.
“Queste donne sono state ridotte in schiavitù, torturate e sottoposte a violenza sessuale. Non dovrebbero subire ulteriori punizioni”, ha dichiarato Matt Wells, vicedirettore della squadra di Amnesty presente in Kurdistan. Notiziegeopolitiche

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina