Iran: detenuta anglo-australiana trasferita in carcere duro

in Diritti Umani/Esteri

La cittadina anglo-australiana Kylie Moore-Gilbert, che era detenuta nella prigione di Evin a Teheran per una condanna a dieci anni con accuse di spionaggio, è stata trasferita come “punizione” nel carcere di Qarchak, alla periferia meridionale della capitale iraniana. Lo ha riferito tramite la sua pagina Facebook l’avvocata iraniana per i diritti umani Nasrin Sotoudeh, a sua volta detenuta a Evin.
    “In una telefonata da Qarchak, ha raccontato di soffrire di una grave forma di depressione per le cattive condizioni in prigione”, dove sono detenuti assassini e trafficanti di droga e in cui sono stati trovati anche diversi prigionieri malati di coronavirus, ha aggiunto Sotoudeh.
    Accademica e studiosa di islam, Moore-Gilbert era stata arrestata dai Pasdaran all’aeroporto di Teheran nel 2018 dopo aver partecipato in città a una conferenza internazionale sullo sciismo. ansa

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina