Turchia: un nuovo drammatico femminicidio

in Diritti Umani

Strangolata e abbandonata in un bosco, fermato l’ex fidanzato. Secondo la piattaforma Fermiamo i Femminicidi nello scorso anno nel Paese uccise 416 donne

Un nuovo drammatico femminicidio sconvolge la Turchia. Il corpo di una studentessa universitaria di 27 anni che risultava scomparsa da 5 giorni, Pinar Gultekin, è stato ritrovato tra i boschi del distretto di Mentese nella provincia di Mugla, sulla costa egea meridionale.

Secondo le prime ricostruzioni degli investigatori, la ragazza sarebbe stata strangolata e il suo corpo successivamente abbandonato nel luogo dove è stato rinvenuto. La polizia ha fermato l’ex fidanzato 32enne della giovane come sospetto responsabile dell’omicidio. Il caso sta suscitando grande attenzione sui media locali e sui social, dove migliaia di utenti hanno espresso la loro indignazione per l’accaduto.

Secondo la piattaforma indipendente Fermiamo i Femminicidi, in Turchia lo scorso anno sono state uccise almeno 416 donne, in ulteriore aumento rispetto alle già drammatiche cifre degli anni precedenti. ansa

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina