Bruno Vespa, lezione politica a Giuseppe Conte: “Stato d’emergenza?”, stop ai colpi di mano del premier

in Politica

In un’intervista all’Huffington PostBruno Vespa dice la sua sulla proroga dello stato d’emergenza decisa da Giuseppe Conte per l’emergenza coronavirus. E il conduttore di Porta a Porta non fa sconti al premier. La preoccupa la proroga? “Se lo stato d’emergenza è una coperta di Linus, una misura psicologica per segnalare che la situazione è ancora grave, ci può stare. Ma vista la diffidenza che c’è dentro la maggioranza e con l’opposizione troverei corretto usare il decreto legge per ogni provvedimento di qualche rilevanza”, sottolinea Bruno Vespa. Insomma, anche per lui il tempo dei dpcm e dei colpi di mano di Conte deve finire. E subito.Infine, una battuta sulla “rivoluzione del 4 marzo”, che per Vespa è tutt’altro che finita: “La rivoluzione che ha cambiato la geografia politica italiana, con il successo di due forze anti sistema come la Lega e i 5 stelle, non è stata affatto riassorbita. Soprattutto perché i 5 stelle controllano ancora il più grande gruppo parlamentare, e hanno in mano il destino del governo”, conclude Bruno Vespa. Ansa