LA FRANCIA RESTITUIRÀ TESCHI DI 24 COMBATTENTI ALGERINI ANTICOLONIALI, AFFERMA ALGERI

in Esteri

L’Algeria afferma che la Francia sta per restituire i resti di 24 combattenti che furono uccisi per resistere alle forze coloniali francesi nel XIX secolo.

Giovedì, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha rivelato la mossa durante una cerimonia militare.

I teschi di alcuni combattenti sono stati esposti in un museo a Parigi.

L’Algeria ottenne l’indipendenza dalla Francia nel 1962 dopo una sanguinosa guerra di sette anni, che pose fine a più di un secolo di dominio coloniale.

Il presidente Emmanuel Macron ha descritto la colonizzazione del paese nordafricano come un “crimine contro l’umanità”.

  • La Francia in rara Algeria ammette la tortura
  • Algerini arrabbiati con la Francia per “traditori”

Macron ha anche espresso il desiderio che le relazioni franco-algerine siano lungimiranti nonostante le inimicizie storiche e le tragedie passate.

Cosa ha detto il presidente algerino?

Parlando giovedì, il presidente Tebboune ha dichiarato che “entro poche ore gli aerei militari algerini arriveranno dalla Francia … con i resti di 24 [members] della resistenza popolare “.

Ha detto che alcuni dei resti appartenevano ai leader del movimento di resistenza.

Tra questi c’era lo sceicco Bouzian, catturato dai francesi nel 1849, poi sparato e decapitato.

Il presidente Tebboune ha affermato che i combattenti della resistenza “sono stati privati ​​del loro diritto naturale e umano di essere sepolti per più di 170 anni”.

I teschi di circa 40 combattenti algerini furono portati in Francia come trofei nel XIX secolo e in seguito esposti al Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi. galileusweb

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina