Altra strage in Afghanistan ad opera dei talebani

Dalla Russia taglie sui militari Usa in Afghanistan: Talebani e Casa Bianca negano

in Esteri
Altra strage in Afghanistan ad opera dei talebani

Il portavoce talebano Zabihullah Mujahid ha smentito la notizia diffusa dal New York Times, secondo cui la Russia avrebbe offerto taglie ai talebani per uccidere militari statunitensi e della colazione in Afghanistan, affermando che tali “voci” rischiano di ostacolare l’uscita dei militari Usa dal paese. Secondo Mujahid, alcuni ambienti negli Stati Uniti sono rimasti delusi dall’accordo di pace di Doha, raggiunto il 29 febbraio scorso, in base al quale i militari statunitensi si ritireranno dall’Afghanistan. 

Certi circoli “vogliono impedire il ritiro degli statunitensi da qui perché perderanno le risorse e le entrate che hanno guadagnato continuando la guerra e vogliono fare di tutto per sopravvivere”, ha detto. Secondo quanto affermato dal portavoce in un comunicato, tutte le armi utilizzate dal movimento erano già presenti nel paese o sottratte all’opposizione. Il portavoce ha sottolineato che le attività dei talebani non sono correlate a nessun organo di intelligence o paese straniero. I talebani, ha aggiunto, sono impegnati nell’accordo con gli Stati Uniti, la cui attuazione garantirà pace e stabilità al paese.

La casa Bianca, invece, ha negato che il presidente Donald Trump fosse stato informato dall’intelligence delle taglie offerte dalla Russia ai talebani uccidere militari statunitensi. “Nè il presidente né il vicepresidente sono stati informati sulle presunte taglie russe”, ha detto la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany in una dichiarazione. Il candidato democratico alla Casa Bianca, Joe Biden, durante un’assemblea virtuale ha affermato che, se confermata, quella del “Nyt” sarebbe una “rivelazione davvero scioccante”. “Non solo non ha sanzionato la Russia per questa flagrante violazione del diritto internazionale, ma Donald Trump ha continuato con la sua imbarazzante campagna di deferenza nei confronti di Vladimir Putin”, ha detto Biden. 

La notizia è stata diffusa venerdì dal New York Times, secondo cui un’unità dell’intelligence militare russa, legata a tentativi di omicidi in Europa, avrebbe offerto ricompense lo scorso anno per attacchi contro le truppe statunitensi e della coalizione. Secondo il quotidiano, militanti islamisti, o elementi criminali armati a loro vicini, avrebbero intascato delle somme di denaro. Sempre secondo il “Nyt”, Trump sarebbe stato informato dall’intelligence ma non avrebbe autorizzato una risposta. 

Agenzia Nova

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina