New York, sarà rimossa la statua di Roosevelt davanti al Museo di Storia Naturale: “Troppo razzista”

in Diritti Umani/Esteri

NEW YORK – La statua bronzea di Theodore Roosevelt che per decenni ha accolto i visitatori davanti al Museo di Storia naturale di New York sarà presto rimossa. L’ha annunciato ieri la direzione del Museo, perché la raffigurazione di quello che fu il ventiseiesimo presidente degli Stati Uniti nonché vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 1905 è decisamente “troppo razzista”: con lui a cavallo, e ai suoi piedi un africano e un indiano d’America.

Secondo la direttrice del Museo, Ellen V. Futter, la decisione di rimuovere la statua equestre scolpita nel 1939 da Earle Fraser non riguarda le idee politiche di Roosevelt, ma la “composizione gerarchica” della sua rappresentazione. L’iniziativa è stata approvata anche da uno degli ultimi eredi del presidente americano, il suo pronipote Theodore Roosevelt IV, secondo il quale “il mondo non ha bisogno di statue o reliquie di un’altra era che non riflettono né i valori di una persona né i valori di uguaglianza e giustizia”.

New York rimuove la statua di Roosevelt: l’idea di Ben Stiller per sostituirla è un omaggio a Robin Williams

Condividi  
Insomma, suo malgrado, il presidente americano avrebbe per decenni incarnato un messaggio del peggior colonialismo e del più vieto razzismo, lui che ha il volto scolpito sul monte Rushmore, assieme a quelli di George Washington, Thomas Jefferson e Abraham Lincoln.

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha immediatamente dato il via libera allo spostamento della statua, sostenendo che è “la decisione giusta al momento giusto”, riferendosi al vasto movimento di rivolta e indignazione nato dopo la morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso a Minneapolis durante un controllo della polizia il 25 maggio scorso. Contrario Trump che ha twittato: “Ridicolo, non fatelo!”.

In realtà, la statua è oggetto di polemiche già da anni. Sul suo sito internet, la direzione del Museo racconta che una commissione municipale aveva già provato a rimuoverla nel 2017 e nel 2018, senza riuscirci. Le prove accumulate furono allora giudicate insufficienti. L’anno scorso fu anche allestita una mostra sulla storia della controversa statua equestre che divenne un’icona grazie al film Una notte al Museo di Shawn Levy. Nella pellicola del 2006 la statua di cera di Theodore Roosevelt è la più benevola tra tutti. Il presidente è l’attore Robin Williams che con coraggio e comicità sarà di grande aiuto al guardiano di notte del Museo, Larry Daley, interpretato da Ben Stiller. Theodore “Teddy” Roosevelt è segretamente innamorato dell’indiana Sacagawea. Ma si vergogna perfino di confessarle i suoi sentimenti. repubblica

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina