Minneapolis, arrestato l’agente che ha ucciso George Floyd

in Esteri

Derek Chauvin, il poliziotto di Minneapolis coinvolto nella morte dell’afroamericano George Floyd, è stato arrestato. A confermarlo ai media locali, la stessa polizia. Si tratta dell’agente che, inginocchiato di peso sul collo di Floyd, lo ha ucciso soffocandolo. Chauvin è uno dei quattro agenti di polizia coinvolti nel fatto che sono stati licenziati dopo la morte di Floyd.

Le proteste dopo la morte dell’afroamericano di 46 anni George Floyd a Minneapolis arriva al terzo giorno di scontri e devastazioni, e si allarga in altre città degli Stati Uniti, con arresti a New York – circa 72 – e tensioni a Denvers. Dopo la richiesta di aiuto al governatore del Minnesota del sindaco di Minneapolis, è intervenuta la Guardia nazionale che, nelle ultime ore, ha schierato 500 uomini in piazza. Le proteste sono degenerate per la terza notte consecutiva in violenze, vandalismi e saccheggi. Durante i tafferugli esplosi in diverse zone di Manhattan alcuni agenti sono rimasti feriti dai lanci di sassi e bottiglie da parte dei manifestanti.

OPEN

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina