Covid, un dossier di 5 Paesi accusa la Cina: «Ha mentito e rifiutato di aiutarci per il vaccino»

in Esteri

“La Cina ha mentito sulla trasmissione da uomo a uomo del coronavirus, ha fatto scomparire gli informatori e si è rifiutato di aiutare le nazioni a sviluppare un vaccino, rivela un dossier di intelligence trapelato». Il documento di 15 pagine redatto dall’alleanza di sicurezza Five Eyes segna la segretezza di Pechino sulla pandemia, un “assalto alla trasparenza internazionale” e indica le tattiche occultate dal regime. 
Cosa è Five Eyes, la super intelligence internazionale
The Five Eyes è un’alleanza di intelligence anglofona che comprende AustraliaCanadaNuova ZelandaRegno Unito e Stati Uniti. Questi paesi sono parti dell’accordo multilaterale UKUSA, un trattato di cooperazione congiunta in materia di intelligence dei segnali.

Lo studio sostiene che il governo cinese ha messo a tacere i suoi critici e spazzato via ogni scetticismo online sulla gestione dell’emergenza sanitaria. Prima di tutto sopprimento le dimensioni del suo primo focolaio che non ha concesso ad altre nazioni il tempo di reagire prima che la malattia colpisse le loro coste.  “Five Eyes” ha messo a nudo la sua valutazione atroce dell’amministrazione Xi Jinping in un memo ottenuto dal Australian Telegraph Saturday.

Il virus originato nel laboratorio di Wuhan
Nel fascicolo si afferma di aver trovato prove che il virus è stato generato nell’Istituto di virologia di Wuhan (vicino al mercato animale) laboratorio in cui la Cina ha studiato le malattie legate ai pipistrelli che risalgono a anni fa. Descrive come Pechino abbia segretamente tentato di seppellire tutte le tracce della malattia.

Ciò ha comportato la “distruzione” di campioni di laboratorio, lo sbiancamento delle bancarelle del mercato animaledove sarebbe scoppiato il primo focolaio, la censura della crescente evidenza di “portatori silenziosi” del virus e il superamento delle richieste di campioni provenienti da altri paesi. «Un ritratto drammatico di un insabbiamento di massa, scrive il Mail.

Il dossier “Five Eyes” dipinge un’immagine allarmante di poteri sempre più autoritari utilizzati da Pechino per nascondere la sua malattia al resto del mondo. Il file indica la “negazione della trasmissione da uomo a uomo” nelle prime fasi dell’epidemia a Wuhan. Mentre secondo l’intelligence la Cina aveva «prove della trasmissione uomo-uomo dall’inizio di dicembre», ma ha continuato a negare di poter diffondersi in questo modo fino al 20 gennaio.

L’Oms ripete quanto sostenuto da Pechino
L’Organizzazione mondiale della sanità ripete le dichiarazioni di Pechino – scrive il Mail -, nonostante i funzionari delle vicine Taiwan e Hong Kong sollevino preoccupazioni, afferma il rapporto. Anche l’evidenza di casi asintomatici, noti come “portatori silenziosi”, è stata insabbiata. Il 3 gennaio, secondo quanto riferito da Five Eyes, la National Health Commission cinese ha ordinato la distruzione di campioni di virus e ha emesso un “ordine di non pubblicazione” sul virus. Come parte di una “soppressione e distruzione di prove” di massa, lo stato ha ordinato la distruzione di campioni del virus nei laboratori mentre il mercato umido è stato imbianchito per estinguere i resti della malattia.

Notizie censurate e ritardi negli interventi
Il rapporto rivela che la Cina aveva iniziato a censurare le notizie del virus sui motori di ricerca dal 31 dicembre, eliminando termini come “variazione della SARS,” mercato dei frutti di mare di Wuhan “e” polmonite sconosciuta di Wuhan “. Intanto la Cina continua a minimizzare. “Milioni di persone lasciano Wuhan dopo lo scoppio e prima che Pechino chiuda la città il 23 gennaio”, secondo The Telegraph.

«Migliaia di persone volano all’estero. Per tutto il mese di febbraio, Pechino spinge gli Stati Uniti, l’Italia, l’India, l’Australia, i vicini del Sud-est asiatico e altri a non proteggersi attraverso le restrizioni di viaggio, anche se la RPC impone severe restrizioni a casa».

Scienziata “paziente zero” scomparsa
Nel documento viene ripercorso l’allarme per il virus e la sua gestione (da parte della Cina): molte persone sono sparite, secondo il documento. Huang Yan Ling, ricercatrice presso l’Istituto di virologia di Wuhan e ritenuta paziente zero per la pandemia globale, è misteriosamente scomparsa e la sua biografia è stata cancellata dal sito web del laboratorio. L’istituto, inoltre, ha negato che provenisse da lì il cosiddetto “paziente zero” e ha detto che è viva ma da allora non ha più notizie.

Altri informatori, tra cui l’uomo d’affari Fang Bin, l’avvocato Chen Qiushi e l’ex reporter della televisione di stato Li Zehua, sarebbero stati detenuti in centri di detenzione extragiudiziale per aver parlato della risposta della Cina alla pandemia. Il dossier mostra anche un certo disaccordo tra le nazioni dei Five Eyes sul fatto che il virus abbia avuto origine nel laboratorio di Wuhan o nel mercato umido, secondo quanto riportato da Telegraph.

Afferma che le nazioni stavano sondando la possibilità che il virus fosse trapelato dall’Istituto di Virologia di Wuhan, con diversi studi condotti dallo scienziato Dr. Shi Zhengli che sono stati citati come preoccupazioni nel rapporto. Il dossier sottolinea che la dott.ssa Zhengli e il suo team hanno condotto ricerche in laboratorio su coronavirus mortali derivati ​​da pipistrelli, con almeno uno dei campioni di virus che corrisponde a una corrispondenza genetica del 96% per Covid-19.

Ma alcuni Stati (Usa e Australia) hanno finanziato il laboratorio di Wuhan e le ricerche sui pipistrelli
Tuttavia, l’Australia ha sostenuto che molto probabilmente il virus proveniva dal mercato degli animali vivi di Wuhan e ha detto che c’era solo una probabilità del 5% che provenisse dal laboratorio. Anche le connessioni dell’Australia con il laboratorio sono state documentate nel dossier, secondo The Telegraph. Il Telegraph ha riferito che il governo australiano ha formato e finanziato scienziati chiave presso l’Istituto di virologia di Wuhan, nell’ambito di una collaborazione in corso tra CSIRO e Accademia delle scienze cinese. ilmessaggero

I membri del team hanno lavorato presso l’Australian Animal Health Laboratory del CSIRO, dove hanno svolto ricerche sui patogeni mortali nei pipistrelli vivi. È stato rivelato ad aprile che il Wuhan Institute of Virology aveva ricevuto una sovvenzione di 3,7 milioni di dollari dal governo degli Stati Uniti e aveva condotto ricerche sui pipistrelli.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina