Libano: proteste dopo notte di violenza Oltre 30 feriti nel nord, ci si prepara a sit-in del 1 maggio

in Esteri

Dopo una notte di nuovi scontri tra manifestanti ed esercito libanese a Tripoli, nel nord del Paese, dove si sono registrati una trentina di feriti secondo la Croce Rossa locale, nuove agitazioni sono in corso da parte di attivisti del movimento di protesta anti-governativo che ha ripreso vigore nei giorni scorsi. Tensioni notturne si sono registrate anche a Beirut e in altre città del paese. Stamani intanto cortei di auto provenienti dalla regione montagnosa del Metn, a nord di Beirut, si sono diretti lungo l’autostrada costiera per interrompere la circolazione. A Beirut, Sidone, Tripoli e in alcune località della valle orientale della Bekaa ci si prepara intanto a quelle che sono state definite “massicce” mobilitazioni popolari per domani, primo maggio. In pieno mese di digiuno islamico di Ramadan e nel contesto della crisi del coronavirus, il Libano è attraversato da una nuova ondata di proteste nel quadro della più grave crisi economica degli ultimi trent’anni. ansa

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina