Mes, Meloni e Salvini all’attacco: “Alto tradimento”, “Dittatura in nome del virus”

in Politica

Niente eurobond, sì al Mes. Questo il risultato – drammaticamente scontato – dell’Eurogruppo concluso nella notte. Ovvero, Italia piegata ancora. Su di noi l’ombra della Troika, un cappio al collo, l’autostrada verso morte certa. Durissime le reazioni delle opposizioni, in prima fila Giorgia Meloni, che affida ai social uno dei suoi primi pensieri, tostissimi: “Il governo si è piegato a Germania e Olanda e ha detto sì al Mes. Questo è alto tradimento”, sottolinea la leader di Fratelli d’Italia. La Meloni poi aggiunge: “Gualtieri ha firmato attivazione Mes, niente Eurobond e Italia sotto tutela. Hanno vinto i diktat di Germania e Olanda. Non permetteremo a nessuno di banchettare sulla nostra Nazione. Fratelli d’Italia farà di tutto in Parlamento per scongiurare questo atto di alto tradimento”, conclude. Quindi le parole, altrettanto dure, di Matteo Salvini: “Mes approvato, dittatura nel nome del virus”, tuona su Twitter. “Non ci sono gli Eurobond che voleva Conte ma c’è il Mes, una drammatica ipoteca sul futuro, sul lavoro e sul risparmio dei nostri figli”, premette il leader della Lega. Il quale snocciola poi delle cifre: Dal 1989 ad oggi l’Italia ha versato all’Europa 140 miliardi, ora per averne a prestito 35 ci mettiamo nelle mani di un sistema di strozzinaggio legalizzato. Oltretutto, senza nessun passaggio in Parlamento, come più volte richiesto dalla Lega”. E ancora: “Siamo fuori dalla legge, siamo alla dittatura nel nome del virus. Presenteremo mozione di sfiducia al ministro Gualtieri. P.S. Se il governo olandese festeggia, vuol dire che è una seconda Caporetto”, conclude Salvini. Libero quotidiano