Coronavirus, Attilio Fontana e la polemica del Fatto: “Ospedale in Fiera senza medici, ma lo scopre ora”

in Politica

La guerra tra governo e Lombardia prosegue sull’emergenza coronavirus. Ora in ballo ci sono i medici, che scarseggiano e specie per l’ospedale appena inaugurato in Fiera di Milano. Lo scrive oggi il Fatto quotidiano. Secondo la giunta di Attilio Fontana da Roma sono arrivati 2,5 milioni di mascherine e non gli 8,4 milioni certificati al 2 aprile dal sito. Secondo quanto riporta libero quotidiano quel che manca sono soprattutto i medici, nonostante il centinaio già arrivato grazie alla Protezione civile: sarà difficile, ad esempio, aumentare i letti dell’ ospedale creato in Fiera e affidato al Policlinico di Milano dai 30-35 attuali agli oltre duecento teorici se non arriveranno medici e infermieri, sottolinea il quotidiano. La difficoltà del governatore è venuta fuori grazie a un’offerta avanzata al presidente del Piemonte, Alberto Cirio, centrodestra anche lui: in sostanza, giovedì la Lombardia ha messo a disposizione del Piemonte 53 posti nel nuovo ospedale – pronti tra 10-15 giorni – per sgravare le terapie intensive, a patto però che medici e infermieri per gestirli fossero trovati dai piemontesi. Ma l’accordo alla fine non è stato trovato. Cosi Fontana dovrà trovare altrove i professionisti per far funzionare il suo nuovo ospedale.