Coronavirus Spagna: 7716 morti, quasi 88mila casi/ Superata la Cina nei contagi

in Esteri

Coronavirus Spagna: 7716 morti, quasi 88mila casi. La penisola iberica è il terzo Paese al mondo per numero di contagiSi aggrava ulteriormente, purtroppo in linea con i numeri fatti registrare negli ultimi giorni, il bilancio connesso all’epidemia di Coronavirus in Spagna, dove i casi confermati ad oggi, martedì 31 marzo 2020, sono quasi 88mila (87.956, per la precisione), con un totale di 7716 decessi. Con questi nuovi dati, la Spagna opera suo malgrado il sorpasso ai danni della Cina in termini di contagi acclarati, dal momento che il Paese orientale, terra in cui si sono registrate le prime infezioni, ne conta 81.518. Per quanto concerne la situazione nella penisola iberica, il ministero della Salute ha annunciato nella sola giornata di ieri 6398 pazienti positivi in più rispetto a 24 ore prima, con un aumento pari all’8,1%, e 812 morti in più (+12,4%). Inoltre, 5231 persone affette da Covid-19 sono state ricoverate in terapia intensiva (324 di esse in appena 24 ore) e altre 2.071 sono fortunatamente guariti, portando il dato relativo alle guarigioni a toccare quota 16.780: in pratica, il 20% della globalità dei casi segnalati, stando a quanto riferiscono le ultime statistiche ministeriali.Per quanto riguarda l’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del Coronavirus in Spagna, si sta assistendo dunque a un cambiamento di tendenza nell’aumento medio dei casi giornalieri, secondo quanto esplicato nel corso della conferenza stampa di lunedì dal dottor María José Sierra, capo area del Centro di coordinamento per l’allarme sanitario e le emergenze, che ha rimpiazzato il suo predecessore, Fernando Simón, dopo che quest’ultimo è risultato positivo al test per il Covid-19 ed è rimasto in isolamento domiciliare. Intanto, non giungono buone notizie da parte del governo di Aragona, il cui vicepresidente e ministro dell’Industria, della Competitività e dello Sviluppo commerciale, Arturo Aliaga, è stato ricoverato presso l’ospedale clínico universitario “Lozano Blesa” di Saragozza per insufficienza respiratoria. Attualmente Aliaga, riferiscono le fonti locali, sarebbe ancora in attesa di essere sottoposto al tampone per verificare la sua eventuale positività al Coronavirus il sussidiario.net