Il calciatore marocchino-belga Marouane Fellaini e’ il primo giocatore ad essere positivo al COVID-19 in Cina

in Editoriale/Sport

Di Ahmed Ouagandar

In un tweet, l’ex giocatore  del Manchester United ha ringraziato tutti i suoi tifosi per il loro sostegno.

L’ex calciatore della nazionale belga  ha annunciato sui social media, il 22 marzo, di essere risultato positivo al coronavirus. Il trentaduenne Fellaini, nato da genitori marocchini, ha ringraziato i suoi “tifosi, il suo medico personale e il suo club per il loro sostegno ed attenzione”. La stella del calcio ha anche implorato tutti di stare al sicuro.

Il club cinese della super lega Shandong Luneng, dove Fellaini gioca attualmente come centrocampista, ha dichiarato il 22 marzo, che il calciatore è risultato positivo al COVID-19 mentre era in quarantena. Secondo la dichiarazione, Fellaini non avvertiva nessun disagio o febbre.Inoltre, Shandong Luneng ha espresso il suo impegno per il trattamento e la riabilitazione del giocatore e gli ha augurato una pronta guarigione.

Fellaini, che ha mostrato una brillante prestazione durante la Coppa del Mondo 2018, ha rifiutato di unirsi alla squadra nazionale del Marocco per optare invece per quella del  Belgio. Cosi Marouane, stella del calcio, si unisce a un elenco di celebrità che sono state colpite dal COVID-19, come  Hollywood H-lister Tom Hanks e Idris Elba.

Mentre il Marocco e molte altre  parti del mondo registrano un continuo e significativo aumento dei casi di COVID-19, la Cina, dove ha avuto origine il virus, si sta lentamente riprendendo. Le autorità sanitarie cinesi hanno riferito che tutti i 39 nuovi casi COVID-19 registrati, domenica 22 marzo, erano stati importati. Mentre la Cina ha confermato oltre 81.000 casi totali, più di qualsiasi paese al mondo, ha registrato anche 72.703 recuperi. Il paese attualmente ha poco più di 5.000 casi attivi.

Ultime da Editoriale

Vai a Inizio pagina