Coronavirus, nuovi casi a Codogno dopo la riapertura della zona rossa

in Attualita'/Salute

La riapertura dell’ex area protetta di Codogno (Lodi) dove fu scoperto oltre un mese fa il primo contagiato da coronavirus avrebbe causato nuovi casi di positività a Covid-19. Lo scrive il Corriere della Sera secondo il quale dopo settimane di progressivo calo il trend, arrivato anche a toccare l’uno per cento, è in risalita. “Abbiamo sei positivi in più – spiega il sindaco Francesco Passerini -. Nelle ultime giornate eravamo fermi a 268 casi”. Sorpresi dall’abolizione della zona rossa””Ci aveva sorpreso vedere che nel decreto del governo dello scorso 8 marzo la zona rossa veniva abolita – prosegue Passerini -. Che senso ha chiudere tutto se poi, appena arrivano i primi risultati positivi, si dà la possibilità di riaprire negozi e di spostarsi per lavoro praticamente ovunque?”. La paura degli abitanti dell’ex zona rossaIl timore degli abitanti di Codogno, Casalpusterlengo e degli altri otto comuni “ex zona rossa” era stato anche quello che il virus potesse tornare a diffondersi grazie a gente non del posto dopo la riapertura dei check point: “Noi abbiamo fatto sforzi molto rigidi, i risultati si sono visti perché nelle prime due settimane c’è stata una riduzione dei contagi – dicono gli abitanti -. Ora quegli sforzi rischiano di essere vanificati”. Il sindaco Gori: “A Bergamo dati sottostimati” Parla apertamente di dati sottostimati il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori che, su Twitter, scrive: “A Bergamo, dall’1 al 24 marzo, i decessi dei residenti sono stati 446: 348 più della media degli ultimi anni (98). I decessi ufficialmente dovuti a Covid-19 nel periodo sono 136. Ce ne sono 212 in più. Con una mortalità all’1,5-2%, i contagiati in città sarebbero tra 17 e 23mila”. Tgcom24