Giovedì 26 Marzo 2020 Dati giornalieri (Fonte Protezione Civile) del Coronavirus con percentuali di incremento giornaliero

in Salute

Di Amedeo Gentile

Anche oggi prosegue il trend positivo poiché nonostante un incremento dei positivi e dei contagiati, analizzando i dati si nota un rallentamento della curva epidemica, anche se non ci si può aspettare un decremento netto, che si stima dovrebbe esserci nei prossimi giorni e generato dalle ultime e più restrittive decisioni prese dal Governo nei giorni scorsi.I dati sulla diffusione del Coronavirus di oggi 26 marzo diffusi dalla Protezione Civile registrano un incremento della crescita nel numero di positivi di 6.153 unità, rispetto a ieri che erano stati 5.210, numeri che portano il totale del numero di positivi in Italia a 80.539. C’è anche un incremento della crescita nel numero di contagiati di 4.492 unità, rispetto a ieri che erano stati 3.491, numeri che portano il totale del numero di contagiati a 62.013. 1269 1036 10631Ottimo incremento della crescita nel numero di guariti di 1.269 unità, rispetto a ieri quando erano stati 1.036, numeri che portano il totale del numero di guariti nel nostro Paese a 10.631. Dobbiamo rilevare anche il lieve decremento della crescita nel numero di decessi di 662 unità, rispetto a ieri quando erano stati 683, numeri che portano il totale del numero decessi in Italia a 8.165. Questi numeri ci fanno purtroppo risultare di gran lunga il Paese al mondo con più persone decedute a causa di Covid-19

CONTROLLI E Denunce Anche a causa dell’enorme numero di persone che seguitano ad uscire di casa con le scuse più disparate e nonostante gli appelli, i divieti, le sanzioni amministrative e penali, il Governo si è visto obbligato a fare entrare in vigore da oggi in vigore il nuovo regime sanzionatorio.Con l’entrata in vigore del decreto legge n.19/2020, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale, è efficace il nuovo sistema sanzionatorio previso all’art.4, che tra l’altro, prevede, nelle ipotesi di mancato rispetto delle misure di contenimento del contagio da coronavirus, l’applicazione, salvo che il fatto costituisca reato, della sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 3000. Pertanto, non si applicano più le sanzioni contravvenzionali previste dall’art. 650 c.p.Il nuovo regime sanzionatorio riguarda anche alle violazioni commesse alla data di entrata in vigore del decreto legge ma, in tali casi, le sanzioni amministrative sono applicate nella misura minima ridotta alla metà.Salgono a:- 2.675.113 le persone controllate dall’11 al 25 marzo 2020;- 115.738 quelle denunciate ex articolo 650 c.p.;- 2.737 le denunce ex articolo 495 c.p.;- 1.233.647 gli esercizi commerciali controllati e 2.607 i titolari denunciati.In particolare, nella giornata di ieri, le Forze di polizia hanno controllato, in applicazione delle misure di contenimento del contagio, 202.188 persone di cui 5.774 sono state denunciate. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 92.445, denunciati 101 esercenti e sospesa l’attività di 23 esercizi commerciali.Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2020, ore 14:22 (Fonte Ministero dell’Interno)