Coronavirus, la testimonianza da Londra: “Mio figlio ha polmonite e febbre a 39,5 ma per lui niente tampone perché è giovane”

in Esteri

Massimiliano vive a Roma e racconta la storia di un pezzo di Italia che lontano dalla quarantena e dal “lockdown” ora teme il peggio. E’ il padre di Fabio, 22 anni, che vive con la madre, Angela, e la sorella, Claudia a Londra. Il ragazzo da 5 giorni sta male: sua mamma ha provato a chiamare il servizio sanitario britannico, ma non lo visitano neanche. Lei, che ha la tosse, e la figlia continuano a lavorare per non perdere il lavoro. Ma in Italia dovrebbero stare in quarantena.Fabio, un ragazzo di 22 anni, da cinque giorni a casa con febbre a 39.5 e tosse: dopo giorni di appelli inascoltati, un medico italiano, al telefono, gli ha diagnosticato la polmonite. La mamma, Angela, 51 anni, anche lei da giorni con la tosse ma senza febbre, prosegue invece il suo lavoro di assistenza sociale agli anziani. E poi c’è Claudia, 27 anni, sociologa, che prosegue il suo lavoro di libera professionista, fra appuntamenti, convegni e riunioni di lavoro. Una scena impossibile in questo momento in Italia, perché al giovane avrebbero fatto come minimo il test per il Covid-19 e tutta la famiglia sarebbe costretta alla quarantena. Anzi, oggi come oggi rischierebbero l’arresto. Angela, Fabio e Claudia – i nomi sono di fantasia – invece, si trovano a Londra, dove la vita continua normalmente, in nome della “immunità di gregge” teorizzata dal primo ministro Boris Johnson. “Hanno paura, vorrei portarli in Italia perché qui starebbero al sicuro, ma non so come”, dice Massimiliano, il papà, che vive a Roma, e che ha contattato ilfattoquotidiano.it per raccontare la storia di un pezzo di Italia che lontano dalla quarantena e dal “lockdown” ora teme il peggio.

“Da giorni mia moglie – spiega Massimiliano – sta cercando di contattare il 111 (il numero messo a disposizione dal servizio sanitario inglese, ndr) per far fare il tampone a nostro figlio e, nel caso, ricoverarlo. Da piccolo il ragazzo ha avuto problemi respiratori e abbiamo paura. Ma le telefonate vengono totalmente ignorate. Le rispondono che è giovane e che finché non ci sono sintomi gravi i tamponi non vengono fatti, né possiamo ottenere una visita a domicilio”. I sanitari del numero messo a disposizione dalle autorità britanniche hanno anche voluto parlare direttamente con Fabio, per poi riferire alla madre: “Finché non ci sono sintomi gravi il ragazzo resti a casa e faccia la quarantena”. “Ti dicono – aggiunge Massimiliano – di lavarti le mani e consultare internet”.In parte, va detto, questo è il criterio che ormai viene adottato anche qui in Italia, dove sempre più spesso si sta cercando di curare le persone a casa. Ma quando questo avviene, si impone a tutta la famiglia di fare la quarantena. In Inghilterra, invece, dal racconto di Massimiliano, questo non è possibile: “Mia moglie sta continuando a lavorare – dice – perché fa l’assistente sociale per gli anziani. Certo, potrebbe prendersi il congedo per malattia, potrebbe anche mettersi in quarantena, ma non verrebbe pagata. Anzi, rischierebbe di perdere il posto di lavoro. Perché in Inghilterra ci sono misure diverse di welfare, non c’e’ la cassa integrazione, o il reddito di cittadinanza, come da noi. E, ancor più per questa emergenza, i datori di lavoro fanno presto a rimpiazzarti. Pazienza se gli anziani assistiti da mia moglie si prendono il virus”. Stessa cosa per Angela, la sorella più grande, che fa la libera professionista: “Se non lavora, se rimanda gli impegni, non guadagna. Non c’è il lockdown, non ci saranno misure”.Il discorso di Boris Johnson e dei suoi consiglieri ha spaventato molti italiani presenti in Inghilterra. Londra, secondo le recenti statistiche, ospita circa 700mila connazionali. Gli esperti scientifici del governo conservatore sostengono che è impossibile fermare il virus e prevedono che il 60% degli inglesi – circa 40 milioni di persone – possano contrarre il Covid-19 e sviluppare così una sorta di immunità di gregge. Il che significa, utilizzando le statistiche meno catastrofiche, immaginare una mortalità dell’1%, dunque almeno 400mila persone. “Gli inglesi facciano come vogliono – ripete Massimiliano – ma gli italiani in qualche modo andrebbero protetti. Johnson si aspetta un picco a fine primavera, io spero che entro quel periodo si possa rimpatriare la mia famiglia. Purtroppo anche l’ambasciata italiana, da questo punto di vista, latita. Speriamo che attivino un numero verde dedicato, o qualcosa del genere”. https://www.google.it/amp/s/www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/14/coronavirus-la-testimonianza-da-londra-mio-figlio-ha-polmonite-e-febbre-a-395-ma-per-lui-niente-tampone-perche-e-giovane/5736703/amp/