In Kenya i bracconieri hanno ucciso una rarissima giraffa bianca e la sua cucciola

in Ambiente/Esteri

Due giraffe bianche sono state uccise dai bracconieri in un parco nel nord-est del Kenya. Erano madre e figlia, due esemplari estremamente rari. Probabilmente gli unici due presenti nel Paese africano, forse le uniche due al mondo insieme ancora una terza ancora in vita. Il loro aspetto bianco è dovuto al leucismo, una rara condizione del corpo che impedisce alle cellule della pelle di avere la loro caratteristica pigmentazione. I tre esemplari erano diventati famosi nel mondo dopo essere stati fotografati nel 2017.A fare la terribile scoperta i ranger del Ishaqbini Hirola Community Conservancy nella Contea di Garissa che ne hanno trovate i resti delle carcasse dopo giorni di ricerche.

Questo è un giorno molto triste per la comunità di Ijara e del Kenya nel suo insieme. Siamo l’unica comunità al mondo custode della giraffa bianca» ha detto il direttore della Ishaqbini Hirola Community Conservancy, Mohammed Ahmednoor, ricordando che le due giraffe uccise erano state avvistate l’ultima volta più di tre mesi fa -. La loro uccisione è un duro colpo per gli straordinari passi compiuti dalla comunità per conservare specie rare e uniche e un campanello d’allarme per un continuo sostegno agli sforzi di conservazione».

I bracconieri autori dell’uccisione non sono ancora stati identificati e la Kenya Wildlife Society, il principale ente di conservazione nello stato dell’Africa orientale, sta indagando sull’accaduto.

Al di là della rarità dei due esemplari uccisi, la popolazione delle giraffe si è ridotta del 40 per cento negli ultimi 30 anni e il bracconaggio per carne e pelle continua: gli esemplari sono passati dai circa 155.000 del 1985 ai 97.000 nel 2015, secondo la International Union for the Conservation of Nature (IUCN). La stampa