Coronavirus, la diretta – Gallera: “In Lombardia ipotesi posti letto in Fiera e nei container, se continua così misure più drastiche”. Istituto Superiore Sanità: “Roma vulnerabile, rischia come Milano”

in Salute

Solo nella giornata di domenica 8 marzo i morti sono stati 133 mentre i nuovi casi accertati 1326, un’incremento che mette a dura prova la tenuta del nostro sistema sanitario. I malati ricoverati in terapia intensiva sono infatti 650, di cui 399 solo in Lombardia. A Bologna (fuori dalla zona rossa) il sindaco decide la chiusura di bar e locali dopo le 18

Con 7.375 persone contagiate 366 morti l’Italia è il secondo Paese al mondo dopo la Cina più colpito dal coronavirus, con un tasso di mortalità che ha raggiunto il 4,96%. Solo nella giornata di domenica 8 marzo i morti sono stati 133 mentre i nuovi casi accertati 1326: un’incremento considerevole, che mette a dura prova la tenuta del nostro sistema sanitario. I malati ricoverati in terapia intensiva sono infatti 650, di cui 399 solo in Lombardia, la regione più colpita. Il piano di emergenza a cui sta lavorando la Regione è impressionante: “Abbiamo rimediato posti letto di terapia intensiva dove fino a ieri era impensabile, abbiamo comprato 1.400 caschi di respirazione in dieci giorni, reclutato e spostato personale, ma stiamo anche già ipotizzando l’utilizzo di spazi della Fiera e, se il Governo e la Protezione civile ci aiutano, anche di container per creare nuovi posti letto“, ha spiegato l’assessore al Welfare Giulio Gallera. “Se continua così avremo bisogno di misure più drastiche”. L’allerta è alta anche nel Lazio dal momento che il Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, Gianni Rezza, ha fatto notare come “a Roma il virus sta già incominciando a circolare, anche se le catene di trasmissione sono per ora piccole. Ne dobbiamo prendere atto perché altrimenti si fa il patatrac come a Lodi. Bisogna agire prontamente”, ha raccomandato. Anche l’ordine dei medici di Roma ha invitato a prestare la “massima attenzione”. Intanto a Bologna, città esclusa dalla zona rossa, il sindaco Virginio Merola ha deciso di disporre da domani la chiusura di bar e locali dalle 18 alle 6: “Ragazzi e ragazze dovete fermarvi: basta frequentare luoghi affollati, basta movida, basta assembramenti”.

Dopo la notizia che il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, quello del Piemonte Alberto Cirio e il Capo di stato Maggiore dell’Esercito, il generale Salvatore Farina, sono risultati positivi al tampone, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto sapere di essersi sottoposto anche lui ai controlli e di essere risultato negativo: “I miei medici sono premurosi. Mi seguono con attenzione e ho piena fiducia in loro”, ha spiegato in un’intervista a Repubblica lanciando poi un appello a tutti gli italiani. “Dobbiamo fidarci degli scienziati, manteniamo la distanza di un metro, evitiamo baci, abbracci, strette di mano, rispettiamo le altre regole. Se tutti rispetteremo le indicazioni, il Paese potrà rialzare presto la testa”, ha detto. Ma intanto le Borse europee colano a picco, con Piazza Affari che perde oltre il 10%, mentre lo spread schizza a oltre 220 punti.

La situazione in in Lombardia – Sono 769 i nuovi casi positivi al coronavirus in Lombardia registrati nelle ultime 24 ore, con le vittime che sono salite a 257. Lo ha annunciato l’assessore al Welfare, Giulio Gallera: “Oggi ci sono in Lombardia 4.189 positivi, 769 in più rispetto a ieri – ha dichiarato nel corso della quotidiana conferenza stampa in streaming – Siamo arrivati a 257 persone decedute. I ricoverati sono 2.217 non in terapia intensiva (+566 rispetto a ieri), mentre 399 persone sono in terapia intensiva, con un incremento di 40. Altre 756 persone sono in isolamento domiciliare, mentre 550 sono state dimesse”. Gallera ha anche aggiunto che la Regione è riuscita a ricavare “497 posti per la terapia intensiva, quindi è una battaglia che al momento stiamo ancora vincendo”. La situazione in Lombardia è la principale causa degli aumenti a livello nazionale. La provincia con il maggior numero di casi, in Lombardia, è Bergamo con 997, 236 in 24 ore, che ha superato Lodi che ha 853 contagi.

Chi viola la quarantena rischia il carcere – Fino a 3 mesi di carcere o 206 euro di multa: è quanto rischia chi viola la quarantena. Lo prevede la direttiva inviata dal Viminale ai prefetti: “La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti – si legge – è quella prevista in via generale dall’articolo 650 del codice penale salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave quale quella prevista dall’articolo 452 del Codice penale (delitti colposi contro la salute pubblica)”. Spetta alle forze dell’ordine fare i controlli su coloro che si spostano all’interno e in entrata e in uscita dai “territori a contenimento rafforzato”: “Gli spostamenti dovranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative – si legge – o situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare tramite autodichiarazione. Nelle stazioni saranno predisposti controlli con il “termoscan” per tutti i passeggeri in transito, così come anche negli aeroporti, dove i viaggiatori dovranno mostrare oltre al titolo di viaggio, anche l’autocertificazione. ilfattoquotidiano.it

Tags:

Ultime da Salute

Vai a Inizio pagina