Bologna, ciclista 18enne investito e ucciso: era il nipote di Prodi

in Cronaca

Si chiamava Matteo Prodi ed era il pronipote dell’ex premier Romano il 18enne morto all’ospedale Maggiore di Bologna, per le gravi ferite riportate in un incidente in bicicletta avvenuto nel capoluogo emiliano, nella prima zona collinare della città. Il giovane frequentava la classe quinta del liceo scientifico fermi, ma in questi giorni era a casa per lo stop delle lezioni in seguito all’emergenza coronavirus.

Maggiore di sei fratelli, Matteo abitava con la famiglia ed era un assiduo frequentatore della parrocchia di Sant’Anna e faceva parte dell’Azione Cattolica. Il parroco don Mario Fini dice che Matteo “era un ragazzo gioioso e al tempo stesso mite, che sapeva stare con tutti”. Il nonno di Matteo è Vittorio Prodi, fratello di Roma, che fu presidente della Provincia di Bologna dal 1995 al 2004, e deputato del Parlamento europeo con l’Ulivo. La famiglia ha organizzato l’espianto degli organi del ragazzo. Il ragazzo era in sella alla sua bicicletta quando è stato urtato da una Toyota Yaris. Secondo la prima ricostruzione, l’auto stava salendo dalla città verso la zona collinare mentre la bici procedeva nel senso opposto, quando c’è stato l’impatto che ha fatto sbalzare a terra il ciclista. Subito soccorso dagli uomini del 118, il giovane è stato ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Maggiore, dove è morto all’indomani. Tgcom24