Coronavirus, crollo in Borsa: Milano perde il 6%, New York a -3%. Petrolio giù, oro record

in Economia

L’ effetto Coronavirus» si abbatte sui mercati mondiali. E l’Italia, che da venerdì è alle prese con la diffusione del virus, è tra i mercati finanziari più colpiti. A Milano, dopo un’apertura già molto negativa (-3,4%), la Borsa è peggiorata durante l’arco della giornata: nel pomeriggio, in concomitanza con l’avvio in terreno fortemente negativo dei mercati americani (Dow Jones -3,2%, Nasdaq -4,5%), l’indice principale – ovvero il Ftse Mib – è arrivato a cedere il 6%.
Wall street si è ripresa gradualmente nel corso della mattinata americana (S&P -2,5%), ma le piazze europee hanno continuato a remare in terreno negativo: sopra i 4 punti percentuali i ribassi di Parigi e Francoforte, mentre Londra perde il 3,4%.
Intanto lo spread fra Btp e Bund tedeschi staziona a quota 145 punti, con il rendimento del decennale allo 0,97%. corriere.it