La nuova enorme capitale d’Egitto

in Esteri

L’Egitto avrà presto una nuova capitale amministrativa e finanziaria dove verranno trasferiti i principali ministeri e uffici governativi, la sede del Parlamento e le ambasciate straniere. La sua costruzione, annunciata nel 2015, è iniziata nel 2016, sta procedendo a ritmo costante e nei prossimi mesi è prevista la conclusione della prima fase del progetto. La nuova città, che non ha ancora un nome e che in molti hanno definito “faraonica”, è stata voluta dal presidente al Sisi, che ha già realizzato enormi e costosi progetti come l’ampliamento del Canale di Suez.

La nuova capitale si trova tra il Nilo e il Mar Rosso, circa quaranta chilometri a est del Cairo, in una zona desertica in gran parte sottosviluppata. Si estenderà per circa 730 chilometri quadrati, circa quattro volte Milano, e quando sarà completa sarà in grado di ospitare sei milioni e mezzo di abitanti. Avrà 650 chilometri di strade, un aeroporto internazionale, 1.200 moschee e chiese, più di 500 ospedali e cliniche, 21 zone residenziali, un parco più grande di Central Park, un fiume artificiale, più di venti grattacieli, tra cui uno alto quasi 400 metri, e molto altro ancora. Nella zona centrale sono stati previsti i palazzi dei ministeri e il Parlamento, che sarà tre volte più grande di quello attuale. Poco lontano sono invece in costruzione la futura residenza del presidente al Sisi e il quartiere diplomatico.

(Video promozionale)

L’interesse del presidente al Sisi nel progetto deriva da diverse motivazioni. Il Cairo conta oltre 20 milioni di abitanti e ha servizi e infrastrutture inadeguate. L’Egitto, in generale, ha appena superato la soglia di 100 milioni di abitanti, la maggior parte dei quali vive nella valle e nel delta del Nilo, area che rappresenta circa l’8 per cento del territorio nazionale. Due egiziani su tre hanno meno di 30 anni e si pensa che il paese supererà i 150 milioni di abitanti nel 2050: ogni anno ci sono 2,5 milioni di abitanti in più e milioni di giovani che entrano nel mercato del lavoro. Più volte al Sisi ha parlato del problema demografico, dicendo che, con il terrorismo, è la sfida più grande che l’Egitto si trova ad affrontare. La scelta di spostare il centro del potere verso est è poi motivata dalla volontà di un avvicinamento al canale di Suez ma anche alla penisola del Sinai, politicamente instabile.

I tempi previsti per la realizzazione dell’intero progetto non sono stati resi pubblici. Entro i prossimi mesi, però, la prima fase – che comprenderà solo un terzo del perimetro complessivo della città – dovrebbe essere completata e 54 mila funzionari saranno trasferiti nel nuovo distretto amministrativo. A oggi la costruzione dei ministeri è molto avanzata, il Parlamento è completato al 60 per cento e il palazzo presidenziale al 50. Nel frattempo, nel gennaio del 2019 sono state inaugurate la più grande moschea del paese e la più grande Basilica cristiana di tutto il Medio Oriente dedicata alla Natività di Cristo. A entrambe le cerimonie ha partecipato il presidente al Sisi, accompagnato da varie personalità.

Nemmeno sui costi complessivi della nuova capitale ci sono molte notizie. Il colonnello Khaled el Husseini, portavoce dell’Agenzia per lo sviluppo urbano della capitale amministrativa (ACUD), sostiene che non si faranno debiti: «L’intero progetto sarà autofinanziato attraverso la vendita di terreni pubblici a sviluppatori privati». Il colonnello dice anche che contribuiranno al finanziamento anche la vendita di terreni e palazzi nel centro del Cairo lasciati liberi a causa del trasferimento dei ministeri. Sono comunque coinvolte società degli stati del Golfo e la società di costruzioni cinese Cscec, responsabile in particolare dell’esecuzione del distretto finanziario.

«È vero che il modello finanziario della nuova capitale non dipende dal bilancio statale, ma non si sa molto sui conti della società che lo gestisce, di proprietà del ministero della Difesa (51 per cento, il cui bilancio è segreto, ndr) e del ministero dei Servizi pubblici», ha spiegato a El Paìs Amro Adly, professore di scienze politiche presso l’Università del Cairo. Il problema, ha poi spiegato, è che il progetto potrebbe attirare «molte risorse a breve termine con un’incerta promessa di guadagni futuri».

Nel progetto del quartiere diplomatico sono state incluse aree riservate a Stati Uniti, Cina o Brasile, ma gli alti prezzi richiesti e l’alto valore immobiliare hanno già portato molti paesi dell’UE, scrive El Paìs, a non aver ancora deciso se trasferire o no le proprie ambasciate nella nuova capitale. Il prezzo degli appartamenti sarà compreso tra 50mila e 100mila euro, irraggiungibile per la maggior parte degli egiziani, i cui stipendi medi mensili vanno dai 200 a 300 euro. La megalomania del progetto, hanno osservato in molti, contrasta con la miseria di oltre un terzo della popolazione che, secondo i dati della Banca mondiale, sopravvive con due dollari al giorno. Sarebbe insomma stato pensato per i più ricchi, e sottrarrebbe risorse necessarie per lo sviluppo e il benessere sociale del paese. il post

Tags:

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina